Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 28 Febbraio |
Sant'Auguste Chapdelaine
home iconChiesa
line break icon

Perché Dio interviene nello stabilire le solennità liturgiche?

Jeffrey Bruno

<span style="font-family:arial, sans-serif;font-size:13px;">Divine Mercy Q&amp;A</span>

don Enrico Finotti - Liturgia "Culmen et Fons" - pubblicato il 27/05/15

Il Corpus Domini, la Divina Misericordia...sono un dono di Dio per la nostra salvezza

L’Anno Liturgico non è prodotto a tavolino e non fu creato da un particolare autore in una certa epoca, come potrebbe essere lo scritto di un’opera teologica o spirituale. Esso è frutto di uno sviluppo progressivo ed organico che si estende in tutto l’arco bimillenario della storia della Chiesa. Ha le sue radici negli stessi eventi originali e fondanti della nostra Redenzione: l’Incarnazione, la Pasqua, l’Ascensione, la Pentecoste, ecc. L’attualizzazione sacramentale dell’intero Mistero pasquale considerato sotto diversi aspetti e celebrato nei medesimi giorni nei quali si compirono ha gradualmente formato l’itinerario della vita della Chiesa, che ha nella domenica il suo centro e il suo ritmo. Il percorso secolare dell’Anno Liturgico è quindi analogo allo sviluppo di un albero che raggiunge grandi dimensioni e produce abbondanza di frutti. Per questo più volte la Chiesa, come l’agricoltore, ha dovuto potare questo albero rigoglioso, non per ridurlo, ma perché porti frutti più abbondanti e di migliore qualità o anche per togliere escrescenze eccessive, inutili o dannose. Questo è il senso delle riforme liturgiche più volte intervenute nella storia e anche di quella recente decretata dal Concilio Vaticano II.

Questa vasta operazione di formazione e sviluppo dell’Anno Liturgico non è una competenza esclusiva e neppure prevalente degli esperti, teologi, storici e liturgisti, ma un’attività che chiama in causa tutto il popolo di Dio. Le feste e i tempi sacri, infatti, sono generati gradualmente oltre che dalla rassegna dei fatti evangelici della vita del Signore, anche da un ventaglio immenso di alterne vicende della vita della Chiesa: movimenti di spiritualità, attenzioni dottrinali, emergenze pastorali e sociali, fenomeni artistici e culturali, insidie di ogni genere, guerre, eresie, pestilenze, calamità naturali, ecc. I Padri, i Mistici, i Dottori, i Martiri e tutti i Santi hanno dato il loro contributo e così gli umili, anonimi per il mondo, ma ben conosciuti da Dio, hanno impresso la tenacia della loro fede, l’eroismo delle loro virtù e la fedeltà della loro testimonianza silenziosa e universale. È il contesto concreto e vivente del corpo ecclesiale che pulsa nel tessuto della storia, che ha suscitato la configurazione dell’Anno Liturgico, come oggi ci è stato tramandato. Lo Spirito Santo, che sempre guida la Chiesa naturalmente ha presieduto per così dire a questa mirabile costruzione consentendo quel meraviglioso intreccio umano-divino che forma la tessitura del grande monumento. Esso splende di elementi divini e perenni uniti a elementi umani e transeunti, creazioni mirabili del genio religioso di tutti i tempi accanto alle espressioni più umili e immediate della fede dei semplici.

Al Magistero della Chiesa spetta vigilare su questo sviluppo, custodirlo, trasmetterlo in modo autentico, promuoverlo e correggerlo: è il buon deposito della fede apostolica e la virtù soprannaturale della grazia, che fluisce nel vivo alveo dell’Anno Liturgico. In tutto questo amalgama mirabile non furono e non sono estranei anche gli interventi diretti di Colui che dall’Anno Liturgico è significato, donato e atteso: il Kyrios immolato e glorioso. Non possiamo escludere a priori che – salvo il dogma della definitiva chiusura della rivelazione pubblica con la morte dell’ultimo apostolo – il Signore stesso e, su suo mandato, la Vergine Maria o gli Angeli o i Santi, possano intervenire nelle vicende della Chiesa e stabilire la nascita di determinate feste che nel piano divino sono giudicate utili per la santità e il progresso spirituale del popolo Dio, oppure per la difesa da pericoli e da castighi che incombono sull’umanità peccatrice. Una simile preclusione offende Dio limitando la sua opera entro confini da noi stabiliti e secondo programmi da noi costruiti, ma non conformi alla sua volontà.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
divina misericordialiturgia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
4
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
5
Paola Belletti
Aiutiamo Debora Vezzani? Tutta la famiglia con il Covid, lei la p...
6
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
7
Gelsomino Del Guercio
Congo, Attanasio salvò dal Covid suor Annalisa. “Devo a lui la mi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni