Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 08 Maggio |
Santa Rosa Venerini
home iconNews
line break icon

Dachau: perché ci sono monumenti religiosi in un campo di concentramento

© Ted

Aleteia - pubblicato il 06/05/15

Dove ora ci sono elementi religiosi c'erano un padiglione per la disinfestazione, un allevamento di conigli, l'orto e il postribolo

Mettere piede a Dachau è addentrarsi nella desolazione. Sono stati appena celebrati i 70 anni della liberazione di questo campo di concentramento, il primo costruito nella Germania nazista. Si trova in Baviera in un luogo nel quale oggi ci sono dei monumenti religiosi e perfino un convento di carmelitane. La cancelliera tedesca Angela Merkel ha visitato domenica il campo, incontrando alcuni sopravvissuti e mettendo in guardia contro i rigurgiti totalitari in Europa.

Dachau è anche un simbolo del ricordo e della riconciliazione. Il visitatore si trova di fronte a monumenti commemorativi di varie religioni in uno dei luoghi che hanno fatto esclamare “Dov'era Dio?”

Gli edifici che esistevano all'epoca non ci sono più. Dove ora ci sono elementi religiosi c'erano un padiglione per la disinfestazione, un allevamento di conigli, l'orto e il postribolo, dove le donne che provenivano dal campo di concentramento di Ravensbrück erano costrette a diventare schiave sessuali dei nazisti.

Cappella dell'Agonia di Cristo

Se si visita il campo alle tre del pomeriggio, la campana che si sente oggi a Dachau proviene da questa cappella. È situata nell'asse centrale della strada del campo e si tratta del primo monumento religioso, eretto nel 1960 su iniziativa dell'ex prigioniero e poi vescovo di Monaco Johannes Neuhäusler. La cappella è stata consacrata il 5 agosto 1960 nel contesto del Congresso Eucaristico Mondiale.

L'edificio è un cubo aperto, che per l'architetto Josef Wiedemann simboleggia la liberazione dalla schiavitù da parte di Cristo. Di fronte si trova la campana commemorativa, donata da sopravvissuti austriaci e che riporta l'iscrizione “In fedele memoria dei nostri compagni di tutte le Nazioni morti. I sacerdoti e laici austriaci a Dachau”.

Tutti i giorni, alle tre del pomeriggio (ora della morte di Cristo), la campana suona. La cappella è aperta ogni giorno. Il primo venerdì di ogni mese, alle 14.30 viene celebrata una Messa.

Convento delle Carmelitane del Preziosissimo Sangue

È stato inaugurato nel 1964 da Josef Wiedemann. Attualmente vi vivono 21 religiose e si trova in Römerstraße 91. Vi si può assistere alla Messa alle 9.00 della domenica.

Le monache ritengono che il loro compito in questo luogo di sofferenza e crudeltà sia quello di vivere nella contemplazione e di pregare per la riconciliazione e la pace.

Al convento si accede attraverso l'entrata sotto l'antica torre di vigilanza a nord. Il chiostro è disegnato a forma di croce. La cappella del convento, un luogo di silenzio e raccoglimento, è aperta al pubblico tutti i giorni.

Chiesa evangelica della riconciliazione

Si trova a sinistra della cappella cattolica dell'Agonia di Cristo, ed è stata eretta su iniziativa di ex prigionieri del campo e consacrata dal pastore Martin Niemöller, un ex prigioniero speciale, il 30 aprile 1967.

Il suo architetto è Helmut Strifler. È un curioso edificio sotterraneo, e per entrare si scende una scala arrivando a un cortile interno, illuminato. Luce e oscurità sono al centro di questo tempio cristiano.

Monumento commemorativo ebraico

Anche questo edificio religioso si trova accanto alla cappella dell'Agonia di Cristo. È stato consacrato il 7 maggio 1967. L'architetto, Zvi Guttmann, aveva progettato una struttura più grande, ma durante la costruzione è stata ridotta a tre quarti delle dimensioni originarie.

La struttura è di basalto nero e scende come una rampa. Nel punto più basso, tuttavia, filtra la luce attraverso un'apertura sul tetto.

La costruzione è coronata da una menorah (candelabro) di marmo proveniente da Israele. La ringhiera è una riminiscenza del filo spinato onnipresente nel campo di concentramento, che insieme alla rampa dà all'edificio un simbolismo che ricorda lo sterminio degli ebrei.

Cappella ortodossa russa

Non manca una cappella ortodossa. È dedicata alla risurrezione ed è più recente, essendo stata consacrata il 29 aprile 1995. Ha forma ottagonale ed è fatta di tavole di legno. È situata su una collina formata in parte con terra proveniente dall'ex Unione Sovietica. Al suo interno si trova Cristo risorto che fa uscire i prigionieri del campo dalle baracche e li dirige alla porta aperta dagli angeli.

Questi edifici segnano una nuova era di riconciliazione in un campo tristemente inaugurato il 20 marzo 1933 da Heinrich Himmler, all'epoca capo delle SS e capo della polizia di Monaco.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
TAMING TRIPLETS
Annalisa Teggi
Resta incinta mentre era già incinta: sono nate 3 bimbe e stanno ...
3
Gelsomino Del Guercio
Gesù e la lettura del Vangelo. Così Celentano “converteR...
4
Annalisa Teggi
Intrappolata in un macchinario tessile: muore Luana, mamma di 22 ...
5
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni