Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 01 Agosto |
Sant'Alfonso Maria de' Liguori
home iconChiesa
line break icon

Monsignor Romero compatrono dei comunicatori cattolici?

© Msgr. Romero Historical Museum / AFP

Reproduction made at the Monsignor Romero Historical Museum in San Salvador, El Salvador on August 21, 2014, of an undated picture showing Monsignor Oscar Arnulfo Romero, Archbishop of San Salvador and Human Rights defender during the Salvadorean civil war from 1981 to 1992. Pope Francis on February 3, 2015 approved a decree declaring slain Salvadoran archbishop Oscar Romero a martyr for the church. The cleric, a defender of the poor and vocal critic of the military in El Salvador, was shot dead in 1980 while celebrating mass. Declaring him a martyr clears the way for him to be beatified, which can lead to sainthood. AFP PHOTO / Monsignor Romero Historical Museum RESTRICTED TO EDITORIAL USE-NO MARKETING-NO ADVERTISING CAMPAIGNS-MANDATORY CREDIT: AFP PHOTO / MONSIGNOR ROMERO HISTORICAL MUSEUM- DISTRIBUTED AS A SERVICE TO CLIENTS

Jaime Septién - Aleteia - pubblicato il 03/04/15

Importante pronunciamento sulla prossima beatificazione di monsignor Óscar Arnulfo Romero

Gustavo Andújar, presidente di SIGNIS, un'associazione cattolica mondiale per la comunicazione presente in 140 Paesi del mondo, ha inviato un messaggio in occasione della Pasqua che contiene un importante pronunciamento sulla prossima beatificazione di monsignor Óscar Arnulfo Romero Galdámez.

All'inizio del messaggio, scritto all'Avana (Cuba), Andújar riconosce la gioia per la recente dichiarazione della Congregazione delle Cause dei Santi in cui si annuncia che Romero, arcivescovo martire di San Salvador (El Salvador), sarà beatificato il 23 maggio.

“Appena qualche giorno fa, il 24 marzo, abbiamo commemorato il suo martirio nel 1980, quando è stato assassinato mentre celebrava la Messa. Questa Settimana Santa è l'occasione ideale per riflettere sull'eredità che ha lasciato a noi comunicatori cristiani”, ha scritto il presidente di SIGNIS.

Anche se non si pensa spesso a monsignor Romero come a un comunicatore, “è un esempio per i comunicatori cristiani, non tanto per il suo lavoro nella stampa e nella radio all'inizio del suo ministero, quanto per le vibranti omelie che pronunciava nella cattedrale e che venivano trasmesse via radio in tutto il Paese”, ricorda Andújar nel suo messaggio pasquale ai membri dell'associazione.

Comunicatore con coraggio e speranza

Per il comunicatore cattolico, nelle omelie di monsignor Romero c'è un appello incessante a difendere i poveri e gli oppressi, vittime della violenza fratricida che flagellava la Nazione salvadoregna.

“Già da tempo aveva abbracciato con fervore l'opzione preferenziale per i poveri, alla quale i suoi confratelli dell'episcopato latinoamericano avrebbero richiamato a Puebla nel 1979. Prima ascoltava il popolo, e poi offriva la sua voce a quanti non l'avevano”.

Per Andújar, monsignor Romero ha vinto la sua naturale timidezza, e la sua volontà di servire Dio e la sua esperienza della Grazia sono riuscite a superare i suoi limiti personali fino a trasformarlo nel pastore coraggioso e risoluto di cui la Chiesa aveva bisogno.

Ai comunicatori cristiani viene chiesto spesso di essere “profetici”, dice Andújar, e in monsignor Romero possono avere una guida straordinaria di ciò che questo significa, visto che il messaggio dell'arcivescovo di San Salvador “era il Vangelo di Gesù Cristo, e le sue denunce, pur se vigorose e piene di autorità, erano allo stesso tempo portatrici di speranza”.

Per questo Andújar, come altri comunicatori cattolici, propone che monsignor Romero venga dichiarato patrono di SIGNIS e compatrono dei comunicatori cattolici.

“Personalmente l'idea mi piace molto, e sono convinto che la Pasqua, quando celebriamo il trionfo della vita abbondante ed eterna che Gesù è venuto a portarci e che monsignor Romero voleva per tutti, sia il miglior momento possibile per riflettere su questo”, conclude il messaggio.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
oscar romerosanti e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
2
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
3
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
BENEDYKT XVI O KAPŁAŃSTWIE
Gelsomino Del Guercio
Nella Chiesa “separare i fedeli dagli infedeli”. La stoccata di B...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni