Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Quanti angeli esistono?

Malgorzata Kistryn
Condividi

C’è un angelo per ogni uomo? O più di uno?

Trattando il tema degli angeli, è molto frequente che si ponga la domanda: quanti angeli esistono? È una domanda importante, perché dalla risposta dipende la visione che abbiamo dell'angelo custode: se è uno per ogni uomo o al contrario gli angeli sono così ridotti che anziché esserci un angelo per ciascuno ce n'è uno per ogni gruppo di uomini.

C'è chi afferma, avvalendosi della parabola della pecora perduta narrata nel Vangelo di San Luca (15,4), che il numero degli angeli sarebbe 99 volte superiore a quello degli uomini.

Altri, al contrario, sostengono che il numero di queste creature sarebbe lo stesso di quello degli uomini, o almeno lo stesso degli uomini che alla fine si trovano in cielo.

Chiaramente non manca chi, in netta contraddizione con gli insegnamenti e la fede della Chiesa, sostiene che il numero degli angeli dipenda dal numero dei segni zodiacali, perché ci sarebbero tanti angeli quanti sono i segni zodiacali esistenti. Questa idea del tutto falsa è difesa dal New Age e dai movimenti esoterici.

In base alla Sacra Scrittura, il numero degli angeli è immenso, incalcolabile. Il libro del profeta Daniele parla di “mille migliaia”, “diecimila miriadi” (Dn 7, 10).

Troviamo poi altri testi biblici come il libro di Giobbe (38,7) in cui gli angeli vengono paragonati al numero delle stelle del cielo, mentre il profeta Isaia parla dell'esercito celeste e dice che ogni stella ha un nome (Is 40, 26).

Nel Nuovo Testamento, la lettera agli Ebrei torna a parlare di “miriadi di angeli” (Eb 12, 22).

L'apostolo San Giovanni, nella visione che ha della Gerusalemme celeste, sente la voce di “miriadi di miriadi e migliaia di migliaia” di angeli (Ap 5, 11).

Anche Nostro Signore Gesù Cristo allude al numero degli angeli al momento di essere arrestato. “Pensi forse che io non possa pregare il Padre mio, che mi darebbe subito più di dodici legioni di angeli?” (Mt 26, 53). Ai tempi di Gesù, una legione romana era formata da 6.000 uomini.

I dati precedenti della Sacra Scrittura ci permettono di dire che il numero degli angeli è limitato, perché sono creature, ma è anche immenso. Proprio per questa grande quantità di angeli, esiste nel mondo angelico un ordine, una gerarchia della quale parleremo, a Dio piacendo, in un altro articolo.

In questa immensità di esseri, l'uomo è circondato, protetto, guidato e custodito. I testi della Sacra Scrittura che ci parlano del numero degli angeli non li quantificano perché gli angeli, come creature di Dio, custodi dell'uomo e della creazione, sono un dono di Dio che non si può quantificare.

Il mondo degli angeli è un'altra espressione dell'amore di Dio, e questo non si quantifica. Si accoglie con umiltà e riconoscenza.

Ci sono milioni di angeli intorno a noi, che ci custodiscono, indicandoci l'amore di Dio. Milioni di angeli che aprono le loro ali per mostrarci un amore estremo: l'amore di Dio per l'uomo.

Accogliamo con gratitudine, con allegria e amore questi compagni. Uniamoci a loro e insieme rendiamo grazie a Dio per il suo amore.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni