Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Ex pornostar: come ho lasciato l’industria del sesso per il cristianesimo

RealCrissy Moran Facebook
Condividi

Abusi sessuali da bambina l'avevano portata fin là, ma Gesù l'ha aiutata a uscirne

Nell'estate del 1980, una bambina di quattro anni e suo fratello sono andati a giocare nella piscina di amici. La bambina non aveva grandi rapporti con i suoi compagni di gioco; li vedeva più come buoni conoscenti, ma ai due bambini era stato dato il permesso di andare a giocare lì. Nel caldo torrido di Jacksonville, Florida (Stati Uniti), sguazzare in una piscina è un dono del cielo.

Non è stata una bella giornata. Il padre dei suoi amici ha portato la bambina in bagno. Lì dentro, ha riferito, l'ha aggredita sessualmente. “Mi ha toccato e cose simili”, ha dichiarato senza voler scendere nei dettagli.

Oggi la bambina si chiama Christina Outlaw, nome che ha preso dopo essersi sposata quasi tre anni fa; di sé parla come Crissy. Crissy è ancora cauta al momento di parlare della sua infanzia; sceglie le parole con attenzione, si ferma per due o tre secondi e cerca l'espressione giusta.

Spiegare gli anni della sua infanzia è difficile non solo per il dolore che ha subito. Crissy si sentiva come priva di controllo – zero, niente di niente. I suoi genitori litigavano molto. Suo padre beveva. Quando Crissy aveva 12 o 13 anni hanno divorziato. Sua madre si è risposata. Ragazzi più grandi l'hanno toccata e vari uomini le hanno lanciato sguardi maliziosi. “Ricordo solo che sentivo che la gente mi guardava in modo sessuale, soprattutto gli uomini grandi”, ha confessato.

Crissy è cresciuta nella fede battista nel cuore della cosiddetta Bible Belt (Cintura della Bibbia, zona degli Stati Uniti a prevalenza protestante, ndt); la Florida Baptist Convention ha il proprio quartier generale a Jacksonville. A 11 anni, Crissy ha accettato Gesù Cristo come suo salvatore, ma negli anni dell'adolescenza forse è stata sviata. “Sentivo come se Dio non mi amasse affatto. Quando avevo 17 anni ho abortito. Se Lui mi avesse amato, non avrebbe permesso che accadesse quello che è accaduto”.

Ottenere il controllo della sua vita è diventata la sua ambizione. Per alcuni lavoro, alcool o gioco d'azzardo sono una via per raggiungere l'autonomia e il potere. Per Christina la risposta è stata partecipare a film pornografici. Era conosciuta come Crissy Moran.

Dal 1999 al 2006 è apparsa in oltre 50 film per adulti. La sua bellezza e il suo fascino erano innegabili.

Oggi Christina Outlaw vive con il marito a Houston. (Per motivi di privacy non ha voluto rivelare il suo cognome originario). Ha lasciato l'industria pornografica quasi dieci anni fa e ha detto di non aver ricevuto alcun profitto da quel business da allora. Attualmente lavora in un negozio di abbigliamento e accessori femminili come stilista. E, cosa più importante per lei, Crissy è cristiana.

Una trasformazione come la sua, da bambina abusata a star del porno a cristiana, è stata raccontata varie volte dalla stampa cristiana e secolare. Altre star del porno, nella fattispecie Linda Lovelace, protagonista di Gola Profonda, sono diventate cristiane dopo aver lasciato l'industria del sesso. In un'intervista di un'ora rilasciata ad Aleteia, la Outlaw ha sottolineato che essersi lasciata dietro il business della pornografia, dominato dagli uomini, per scegliere il cristianesimo è stata la sua via per raggiungere la pace.

Il nuovo punto di vista di Crissy sulla vita appare in modo evidente dall'atteggiamento che ha nei confronti del suo lavoro. Ora vede le donne in modo diverso. “Adoro far sembrare belle le donne e le ragazze. Le donne sono bellissime, e ciascuna è diversa. È un lavoro fantastico. Le donne non sono più in competizione con me. È una cosa strana. Vedo la bellezza in chiunque. La prima cosa che vedevo in genere erano i difetti. Ora vedo la bellezza”.

Nonostante le cicatrici emotive che si portava dietro dall'infanzia, Crissy è cresciuta. Ha ottenuto la licenza liceale, ha seguito le lezioni di un college locale e ha svolto vari lavori. Dopo essersi scattata delle foto e averle fatte girare, ha ricevuto delle offerte da riviste per adulti. A 25 anni è apparsa nel suo primo video sexy (ha raccontato a un familiare dell'aggressione sessuale subita quando era bambina, ma non ha sporto denuncia).

Crissy viveva a Jacksonville, ma poi si è trasferita a Encinitas, in California. Vivere lontata da casa era una cosa, diventare un'attrice su un set cinematografico un'altra. Crissy ha visto il business dela pornografia come una via per ottenere l'autonomia. “All'epoca pensavo che desse molto potere. C'erano tutte quelle persone che dipendevano da me… Sapevo cosa aspettarmi. Sapevo cosa fare e chi fossero i grandi attori del gioco”, ha detto. “Mi sembrava di essere al di sopra di tutti. La gente aveva bisogno di me”.

Perfino la scelta di un partner sessuale maschile da parte di Crissy confermava la sua idea di avere tutto sotto controllo. Mentre le sue colleghe erano affiancate a un attore più anziano, per tre anni e mezzo è stata affiancata al suo convivente.

Viveva anche con altri fidanzati. Aveva bisogno di avere degli uomini intorno. La facevano sentire desiderata e non sola. Gli uomini dominavano anche la sua vita professionale.

Gli uomini hanno aiutato Christina a diventare non solo famosa, ma anche ricca. Il suo sito web vietato ai minori di 18 anni raggiungeva facilmente i 20.000 dollari al mese, e lei era così piena di soldi da potersi prendere pause di mesi. Ma la scalata di Crissy all'autonomia attraverso l'ego e la carne non le ha fatto guadagnare il rispetto degli uomini.

Ad esempio, ha capito che molti uomini la vedevano come un oggetto sessuale e poco più. I suoi sogni e le sue speranze non contavano. Un giorno è andata ad Albuquerque, nel New Mexico, per raggiungere il suo fidanzato al lavoro. Lui non apparteneva al business del porno. Un collega mostrava le foto della moglie in topless. Gli uomini ridevano, ma Crissy non era divertita, e lo ha detto loro, sentendosi imbarazzata e arrabbiata.

È stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Dopo quell'episodio, Crissy ha detto al suo manager che voleva prendersi una pausa. “Non sapevo cosa dire. Poi gli ho detto che avevo chiuso”, ha ricordato. Christina ha poi parlato con Dio della sua situzione. “Ha detto di fidarmi di Lui, che mi avrebbe guidato. Ho sentito che dovevo lasciar stare… Quella gente [dell'industria del porno] non era veramente mia amica”.

Anche se Crissy è rimasta a Los Angeles, il suo stile di vita è cambiato. Ha perso i contatti con amici e colleghi. L'uomo che gestiva il suo sito vietato ai minori si è rifiutato di cancellarlo. Non riceveva più consistenti assegni mensili. Doveva imparare a vivere da sola, soprattutto senza un fidanzato.

L'abbandono del business del porno da parte di Crissy ha richiesto un alto prezzo emotivo e spirituale. “Ho sofferto di stress post-traumatico. Non sapevo come andare avanti e pagare i conti. Lasciare tutto è stato un trauma”.

La transizione di Crissy da star del porno a donna cristiana non è stata lineare. Ci sono stati vari scossoni lungo il percorso. Non era sempre in astinenza dai fidanzati e aveva incubi notturni, ma si è unita a una chiesa a Los Angeles. Ha trovato vari lavori d'ufficio, anche uno come segretaria di uno studio legale. Ha anche lavorato per Treasures, un'organizzazione non-profit basata sulla fede che si occupa di assistenza pastorale a uomini e donne che operano nell'industria del sesso. E ha smesso di uscire con gli uomini per dieci mesi. Durante questo periodo “sabbatico”, Crissy ha conosciuto un uomo grazie a un amico comune. Viveva in Texas, ma i due parlavano per telefono e sono diventati amici. Nel maggio 2012 sono diventati marito e moglie.

Quando era una ragazzina, Crissy sognava di formarsi una famiglia. “Ho sempre avuto l'obiettivo di diventare non un dottore o un avvocato, ma una moglie e una mamma”. La prima parte del sogno si è avverata, la seconda ancora no.

Per anni, quando era nell'industria del porno, Crissy non sentiva la voglia di diventare madre. Ora quel desiderio è tornato, ma lei e il marito non sono ancora riusciti a metterlo in pratica. A 39 anni, capisce che ci sono dei rischi e delle difficoltà pratiche.

Indipendentemente dal fatto che lei e il marito concepiscano o adottino un bambino, Crissy sarà in pace. “Prego per avere un figlio, ma se non succede…”, ha detto mentre le si smorzava la voce, “il mio desiderio è quello di essere vicina a Lui”.

[Traduzione dall'inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni