Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

Il Re è…nudo

© Public Domain
Condividi

Il prossimo appuntamento dei Cinque Passi è sul politicamente corretto…

Nuovo appuntamento a Roma con i “Cinque Passi”. Questa volta Padre Maurizio Botta, svolgerà l’incontro sul tema del politicamente corretto, croce e delizia per chi – come i giornali – deve occuparsi di raccontare la realtà, o almeno provarci. Aleteia come di consueto cerca di “rubare” qualche anticipazione tanto per chi può, quanto per chi non può andare agli incontri a cui partecipano spesso centinaia di persone.

Come procederà?
Botta: Penso che questa volta mi farò molto aiutare dal titolo e dalla favola. Quello che posso dire è che "il Re è Nudo" è una favola potentissima. In fondo, le prime ad essere politicamente scorrette sono proprio le favole. Farsi guidare dalla fiaba ci ispirerà…

La Verità, può fare male, ma può essere mai offensiva?
Botta: Effettivamente oggi sono convito che una cosa vera è sempre dentro il cerchio dell’Amore. Non si può dire una verità senza amore. Diceva il mio vescovo: la verità senza carità uccide, ma la carità senza verità inganna. E’ una forma d’amore dire la verità, non si può andare contro l’amore. La verità però compromette, spesso ci autocensuriamo per evitare problemi. Da come guardi a questo, dipende come vivi la vita. E’ catartico sentirsi scuotere assieme ad altri su cose che non vuoi sentire.

Qual è l’aspetto più pericoloso di questa censura?
Botta: Io durante la settimana prego, dico messa, vado nelle carceri, celebro matrimoni, funerali, faccio catechesi e preparo catechisti, faccio animazione in parrocchia. Sono un prete che fa tutte queste cose, ma poi mediaticamente passa solo il fatto del tour dei "falsi miti del progresso". E’ l’etichettatura, la vera tragedia del politicamente corretto. Ridurre tutto e tutti a categorie, spesso molto strette che riducono la nostra libertà. Io ora sono “il prete che parla del gender”, ma questo incasellarmi serve solo ad ostracizzare, non a rappresentare la verità…
 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni