Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Mons. Romero presto beato!

© DR
Condividi

Papa Francesco ha autorizzato la promulgazione del decreto che apre la strada alla beatificazione dell’arcivescovo salvadoregno ucciso dai militari

Papa Francesco il 3 febbraio ha ricevuto in udienza privata il cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle cause dei santi e ha autorizzato la promulgazione del decreto “riguardante il martirio del Servo di Dio Oscar Arnolfo Romero Galdamez, arcivescovo di San Salvador, ucciso in odio alla fede il 24 marzo 1980”.

La formula ufficiale avvia a conclusione la causa di beatificazione aperta nel 1997 e rimasta ferma per 18 anni.

Monsignor Romero fu ucciso mentre stava celebrando la messa nella cappella dell'ospedale della Divina Provvidenza a San Salvador. Anche quel giorno, come avveniva da anni, Romero aveva denunciato le ingiustizie commesse nel suo Paese e le violenze della polizia e dei militari. Sotto i colpi dei paramilitari era caduto anche uno dei suoi più stretti collaboratori, il sacerdote gesuita padre Rutilio Grande.

Il coraggio di Romero non sempre fu compreso dai vertici della Chiesa cattolica. Tuttavia nel 1983, in visita in Salvador, nonostante l’opposizione del governo del Paese, Wojtyla si recò a pregare sulla tomba del vescovo e in occasione del Giubileo del 2000 citò Romero nel testo della "celebrazione dei Nuovi Martiri", riprendendo quasi integralmente quanto aveva scritto il giorno della sua morte alla Conferenza Episcopale salvadoregna: “il servizio sacerdotale della Chiesa di Oscar Romero ha avuto il sigillo immolando la sua vita mentre offriva la vittima eucaristica”.

Ai poveri dell'America Latina Romero aveva promesso: "Se verrò ucciso, risorgerò nel mio popolo".

Il postulatore della causa di beatificazione del vescovo martire è mons. Vincenzo Paglia, presidente del Pontificio Consiglio per la famiglia.

Il pontefice ha autorizzato anche la promulgazione del decreto riguardante il martirio dei Servi di Dio Michele Tomaszek e Sbigneo Strzałkowski, Sacerdoti professi dell'Ordine dei Frati Minori Conventuali, nonché Alessandro Dordi, Sacerdote diocesano; uccisi, in odio alla Fede, il 9 e il 25 agosto 1991, a Pariacoto e in località Rinconada, nei pressi di Santa (Perú) e le virtù eroiche del Servo di Dio Giovanni Bacile, Arciprete Decano di Bisacquino; nato a Bisacquino (Italia) il 12 agosto 1880 ed ivi morto il 20 agosto 1941.
 

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.