Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 16 Ottobre |
Santa Margheria-Maria Alacoque
Aleteia logo
home iconNews
line break icon

Benedetto Daswa, primo beato del Sudafrica contro la stregoneria

Public Domain

Aleteia - pubblicato il 26/01/15

Riconosciuto il martirio dell'uomo che si oppose alle pratiche di sciamanismo: potrà presto salire alla gloria degli altari

Quella di Benedetto è la prima causa di beatificazione avviata dalla Chiesa del Sudafrica a giungere al suo compimento. Infatti tra i nuovi decreti della Congregazione per le cause dei santi firmati da Papa Francesco c’è anche quello di Tshimangadzo Samuele Benedetto Daswa di cui è stato riconosciuto il martirio e dunque potrà presto salire alla gloria degli altari.

Africa e stregoneria
Laico, sposato con 8 figli, la sua beatificazione rappresenta una grande gioia per la giovane chiesa africana: l'uomo era una persona di grande fede, molto stimata anche fuori dalla comunità cattolica per la sua disponibilità verso tutti. Inoltre il suo processo di beatificazione è legato a un tema molto caldo in tutta l’Africa: il rapporto con le credenze tradizionali legate alla stregoneria.

Il Battesimo, la preghiera e il lavoro
Daswa nasce nel 1946 nel villaggio di Mbahe in una famiglia non cristiana. In età adolescenziale inizia a frequentare un gruppo di cattolici. Affascinato da quel “modo di vivere” a 16 anni chiede il Battesimo scegliendo il nome di Benedetto, come il suo catechista. Ma insieme al nome assunse anche il motto del grande monaco riformatore: «Prega e lavora». Diplomatosi come maestro inizia a insegnare nella scuola di Nweli di cui diviene poi direttore. Contemporaneamente svolge il ministero di catechista e non si tira indietro con i lavori "sul campo": Benedetto si prodiga per costruire quella che diventerà la prima chiesa cattolica della zona. Nel 1980 si sposa con Shadi Eveline Monyai, dalla quale ha 8 figli.

Contro la stregoneria
Benedetto è una figura ammirata e rispettata in tutta la sua comunità per carità e generosità verso il prossimo. E proprio per questo iniziano a crearsi delle invidie verso il suo modo di vivere e i primi nemici della “novità cattolica” si fanno sentire. Nel gennaio 1990 la regione di Nweli viene colpita da nubifragi fuori stagione, durante i quali diversi fulmini si abbattono sui tetti delle capanne mandandoli in fiamme. Secondo la cultura tradizionale quello è il segno di una maledizione da stregoneria. Per questo motivo i capi del villaggio chiamano uno sciamano per individuare chi fosse il responsabile. Ma quando Benedetto lo viene a sapere cerca di spiegare che i fulmini sono un fenomeno naturale e si rifiuta di pagare la quota richiesta a ogni famiglia per pagare lo sciamano: «La mia fede cristiana – disse – mi impedisce di partecipare a una caccia alle streghe». (Vatican Insider, 23 gennaio)

Il martirio
Il suo gesto viene considerato un'offesa alla secolare cultura tradizionale: poche sere dopo, il 2 febbraio 1990, mentre sta rientrando verso casa con l'auto, trova la strada sbarrata da alcuni tronchi: quando scende per rimuoverli dalla boscaglia ecco una folla minacciosa farsi avanti. Vogliono la sua testa. I testimoni raccontano che quando Benedetto capisce che lo stanno uccidendo, si mette in ginocchio a pregare. Ed è anche per questo che la comunità cristiana locale lo ha venerato fin da subito come martire. 

Tags:
santi e beatistregoneria
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
2
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
3
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
BERGOGLIO
Gelsomino Del Guercio
“Se non mi sposo con te, mi faccio prete”. Così parlò il futuro P...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni