Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 20 Maggio |
San Bernardino da Siena
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Sulle donne sottomesse

Man and woman doing arm wrestling showing their displeasure

© Pressmaster / SHUTTERSTOCK

Giuliano Guzzo - Il Blog di Giuliano Guzzo - pubblicato il 23/01/15

Non sono forse più brutalmente sottomesse le donne che si prostituiscono per campare o per finire in un programma TV?

Continua a fare gran discutere l’idea che vi possa essere qualcosa di giusto in una forma di “sottomissione” femminile in ambito familiare: ne aveva scritto Costanza Miriano e ne ha parlato Mario Adinolfi ed entrambi, prima una dopo l’altro, sono finiti nel mirino di quanti praticano la tolleranza, sì, ma solo verso le proprie idee.

Mi guardo dunque bene dall’infilarmi nella polemica limitandomi ad avanzare – se è ancora lecito averne – alcuni dubbi: non sono forse brutalmente sottomesse le donne che arrivano a prostituirsi per campare o per finire in un programma televisivo? E sono forse più libere quelle che evitano la maternità, o la rinviano, per evitare il licenziamento? E le schiave spinte dalla povertà ad affittare il proprio utero? E quelle che abortiscono perché costrette dai loro partner (non riesco a scrivere uomini) o perché lasciate sole davanti ad una sfida enorme? E le donne ipnotizzate da una cultura che le ha convinte che, per sbarazzarsi degli stereotipi femminili, debbono prendersi quelli maschili – carriera, successo, danaro – se la passano meglio?

Non lo so, avanzo umilmente questi dubbi nella consapevolezza che, se solo la metà fossero fondati, altro che criticare Miriano ed Adinolfi: dovremmo ringraziarli, loro che sottolineano il dovere, non solo femminile ovviamente, di sacrificare parte della libertà per tenere in piedi la famiglia quando altri sacrificano tutta la verità solo per tenere in piedi le loro menzogne.

QUI L'ORIGINALE

Tags:
donnefemminismo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni