Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

L’unità è davvero possibile?

© Public Domain
Condividi

Con Maria è più facile: non ha mai condannato, ha sempre ascoltato, ci accoglie sempre

Credo, però, nella capacità che abbiamo di costruire ponti, abbattere muri ed erigere case. Penso che con Maria sia facile farlo. Quando penso a Lei, penso che sia stata e sia proprio questa la sua missione.

Ella ha unito gli apostoli, quando erano molto diversi. Ha costruito ponti e ha aperto cammini. Non ha mai condannato. Ha sempre ascoltato. Ci accoglie sempre per come siamo. Tratta tutti come suoi figli, senza fare distinzioni.

Non le importa che siamo diversi, perché una madre non fa distinzione tra i suoi figli. Li ama tutti allo stesso modo. Non separa, non divide, non giudica.

A volte ci costa intenderci con quanti la pensano in un altro modo, ma questo non può essere un ostacolo all’avvicinamento.

Spesso cerchiamo ciò che ci separa dalle persone e non ciò che ci unisce a loro, ciò che abbiamo in comune, gli ideali che ci infiammano. Ci fermiamo a quello in cui siamo diversi anziché valorizzare le nostre somiglianze.

Nella stessa Chiesa viviamo quelle tensioni. Non tutti i gruppi ecclesiali hanno lo stesso modo di pensare, né la stessa spiritualità. Non tutti vivono la fede allo stesso modo. Ma Cristo e Maria ci uniscono. In loro ci incontriamo.

Siamo chiamati a dare una testimonianza di unità, a modellare un nuovo mondo in Cristo e in Maria. La nostra vita di alleanza forgia una cultura di alleanza, una cultura dell’incontro, come la definisce papa Francesco:

“Dobbiamo lavorare, perciò, per una cultura dell’incontro. Una cultura che ci aiuti ad incontrarci come famiglia, come Movimento, come Chiesa, come parrocchia. Cercare sempre il modo di incontrarsi”.

Cristo ci unisce in un solo corpo. In Lui tutti formiamo un’unità. Siamo una cosa sola. Ma poi la vita si complica e ci separiamo. Dividiamo. Le nostre critiche alzano muri. Le nostre indifferenze, la nostra debolezza nell’amore.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.