Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 30 Ottobre |
San Marciano di Siracusa
home iconNews
line break icon

Shiloh Pitt, la bambina che vuole essere maschio

AFP PHOTO / ROBYN BECK

Actor Brad Pitt and children Pax Jolie-Pitt (L), Shiloh Jolie-Pitt (C) and Maddox Jolie-Pitt arrive for the U.S. premiere of Universal Pictures "Unbroken," December 15, 2014 at the Dolby Theatre in Hollywood, California. AFP PHOTO / ROBYN BECK

Aleteia - pubblicato il 22/12/14

Il caso della figlia di Brad Pitt e Angelina Jolie apre il dibattito sull'ideologia gender

Il primo piano della famiglia Pitt-Jolie sul red carpet di Los Angeles per la prima di “Unbroken” ha fatto il giro del mondo. Ma ciò che ha colpito gli innumerevoli fans è stato l'abbigliamento maschile della piccola Shiloh Pitt, figlia naturale della coppia di Hollywood. “In abito scuro e cravatta e taglio di capelli da maschiaccio” si legge su Huffington Post (17 dicembre) "Shiloh si è lasciata fotografare accanto al padre e ai fratelli. Sono in molti ad aver parlato di scelta discutibile.”

© AFP PHOTO / ROBYN BECK

Vuole essere chiamata John

A otto anni Shiloh Pitt porta i capelli corti, ama vestirsi da maschio e preferisce essere chiamata John. Mamma Angelina non pare turbata dall'indole della figlia, anzi. "Rispettiamo le sue scelte", ha dichiarato l'attrice che con il marito Brad Pitt è da sempre in prima linea sul fronte del rispetto e dell'impegno per la tutela delle persone omosessuali. (Panorama, 19 dicembre)

Si sente un ragazzo?

"Vorrei essere come i miei fratelli" aveva dichiarato Shiloh, probabilmente esprimendo un desiderio di ammirazione e di stima (come succede normalmente nelle famiglie) più che di “cambiamento sessuale”. Ma nel 2010 Angelina Jolie aveva spiegato per la prima volta a Vanity Fair la "particolarità" della sua bambina. "Mia figlia – aveva detto – si sente un ragazzo. Per questo le abbiamo tagliato i capelli. Ama vestirsi da uomo, vuole essere come i suoi fratelli". E Brad aveva aggiunto: "Finora l’avevo sempre chiamata 'Sh'”, ma lei continuava a interrompermi e a chiedermi di chiamarla John".

La nonna contrariata

Non è della stessa idea nonna Jane, attivista repubblicana e madre di Brad. Che nel 2012, durante la campagna elettorale per le presidenziali Usa, si schierò con forza a fianco di Mitt Romney. Prendendo posizione contro i matrimoni gay in una lettera pubblicata online. Quella volta i «Brangelina» si arrabbiarono non poco. Come del resto quando la donna – non contenta del look maschile di Shiloh – si ostinò per mesi a comprarle vestiti «da principessa», nel tentativo di farle «cambiare idea». Un atteggiamento bollato come «irrispettoso» da Angelina. (Corriere.it, 18 dicembre)

Nomi senza radici

Sulla scelta dei nomi su cui si è orientata la coppia Pitt-Jolie, ilGiornale (20 dicembre) commenta così: "Quella dei nomi assurdi è una sua specialità (riferendosi in particolare ad Angelina) magari se Shiloh si fosse chiamata Maria le cose avrebbero preso una piega migliore. Ma nulla è per caso: dare ai figli i nomi dei nonni o dei santi significa inserirli in una tradizione, dar loro nomi senza radici è una pratica nichilista che rompe preziose continuità." 

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
ideologia gender
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
Timothée Dhellemmes
Seconda ondata di Covid: in Europa il culto c...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni