Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Chi sono i gesuiti? Perché l’ordine è stato soppresso?

© ServizioFotograficoOR/CPP
April 10, 2014: Pope Francis during an audience with students of the Gregorian University, in the Paul VI hall at the Vatican.
Condividi

Commemorazione del bicentenario della restaurazione della Compagnia di Gesù

La Compagnia di Gesù commemora i 200 anni dalla sua restaurazione con vari eventi nel mondo tra cui Messe, congressi e conferenze. A Roma, dal 6 all’8 novembre, la Pontificia Università Gregoriana ha organizzato un convegno internazionale per ricordare la bolla di Pio VII.

La sede universitaria affidata alla Compagnia di Gesù in Piazza della Pilotta accoglie un evento di tre giornate di studio che analizza la crisi della fine del XVIII secolo, il periodo poco conosciuto tra le “due Compagnie” e il progressivo ritorno dei gesuiti nel corso del XIX secolo.

La Compagnia di Gesù è un ordine religioso cattolico fondato da Sant’Ignazio di Loyola nel 1540 e approvato da papa Paolo III. Negli ultimi tempi, la stampa internazionale ha concentrato la sua attenzione sui gesuiti, termine con il quale sono noti i suoi membri, visto che Jorge Mario Bergoglio è il primo gesuita della storia a diventare pontefice di Santa Romana Chiesa. È anche il primo papa religioso dopo 182 anni.

Al riguardo, un dato curioso è che il 16 marzo 2013, quando papa Francesco ha ricevuto in udienza un gruppo di giornalisti, ha raccontato l’aneddoto ironico per cui dopo il conclave che lo ha eletto un cardinale gli ha proposto di chiamarsi Clemente XV per vendicarsi di Clemente XIV, che aveva soppresso la Compagnia di Gesù.

I gesuiti sono stati dispersi per 41 anni. L’ordine è stato ristabilito da Pio VII il 7 agosto 1814. I religiosi sono sopravvissuti alla soppressione del loro ordine nascosti in Prussia e in Russia, e gli ultimi anni in Italia, per poi “rinascere”.

Chi sono i gesuiti?

La missione è l’essenza dell’ordine dei gesuiti. “Amare e servire” è il loro motto, che li riconosce come educatori, intellettuali e fondatori di scuole.

Quando nacque la Compagnia di Gesù erano già stati scoperti i cinque continenti, per cui, seguendo l’esempio degli apostoli, si sono lanciati nelle terre di missione, che in quel periodo coincidevano con le colonie dell’impero portoghese e spagnolo.

Sono missionari inviati dove vuole il papa. Specie rara del loro tempo, religiosi senza coro né chiostro, in missione nel mondo.

Perché la Compagnia di Gesù è stata soppressa?

Nel 1773 papa Clemente XIV soppresse la Compagnia in tutto il mondo, decisione fortemente appoggiata dalle grandi potenze europee.

I gesuiti accettarono la decisione del papa senza opporsi. Il Generale dell’ordine dell’epoca, Lorenzo Ricci, venne fatto prigioniero a Castel Sant’Angelo fino alla morte, nel 1775. Allora c’erano circa 23.000 gesuiti, che dirigevano 700 scuole.

Varie sono le cause che portarono alla soppressione. I gesuiti avevano dei privilegi. Non pagavano le decime, avevano problemi con i vescovi e con altri ordini religiosi dell’epoca. Erano vicini al potere. C’erano poi l’autonomia che aveva dato loro il papa prima della soppressione e lo straordinario adattamento culturale nelle missioni.

In questo senso, l’aspetto più controverso per i loro avversari furono i cosiddetti riti cinesi e malabar (India), proibiti da Roma. I protestanti non li volevano per la loro ferrea difesa della dottrina cattolica.

Restaurazione della Compagnia di Gesù (1814‐2014)

La Compagnia di Gesù è stata restaurata da papa Pio VII al suo ritorno a Roma nel contesto delle restaurazioni politiche post-rivoluzionarie.

Un’altra curiosità è che due governanti non cattolici protessero e accolsero i gesuiti in quegli anni: Federico II di Prussia e la zarina Caterina II di Russia, che non vollero prescindere dal servizio formativo di questi religiosi nelle loro terre.

I gesuiti hanno passato momenti difficili e a volte hanno avuto rapporti conflittuali con il Vaticano. L’ordine mantiene un voto particolare, il “quarto”, quello dell’obbedienza al papato.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni