Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 03 Marzo |
Sant'Agnese di Boemia
home iconArte e Viaggi
line break icon

The Walking Dead: si può perdonare… o no?

© AMC Studios

CattoNerd - pubblicato il 07/11/14

Come non diventare degli zombie vivi

Attenzione: se non avete visto le prime puntate della quinta stagione sappiate che state per beccarvi uno spoiler

Come sapete è iniziata la nuova stagione di The Walking Dead, la prima puntata è stata davvero avvincente! *-* Certo chi se l’aspettava Carol versione Rambo! Poco credibile? Può darsi, ma bisogna ammettere che faceva la sua bella scena. Detto questo, le prime puntate mi hanno già dato davvero da riflettere. Su cosa? Stavolta vorrei soffermarmi sul tema del perdono.

Il vero male

Come abbiamo visto i nostri amati sopravvissuti si trovano faccia a faccia con un male ben peggiore degli zombie: ovvero con i vivi, cannibali per l’esattezza. Ditelo su, anche voi avete tifato per gli zombie a una certa, io gridavo “daje zombie! Magnateli tutti!” con la finezza romana che mi contraddistingue (quando ci vuole ci vuole u.u). Purtroppo certi umani sono molto peggio degli zombie, in tal proposito mi viene in mente questo versetto:

Non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno il potere di uccidere l’anima; temete piuttosto colui che ha il potere di far perire l’anima. ~  Matteo 10, 28

Che significa “uccidere l’anima”?
Credo che queste due puntate l’abbiano fatto capire bene. Quelli che abitavano a Terminus non erano cannibali prima che arrivassero a saccheggiarli, violentarli e seviziarli degli spietati individui. Come si vede nelle scene del flashback, le vittime di un male così atroce diventano essi stessi feroci carnefici. “O sei il macellaio o sei il bestiame” come ripete più volte il nuovo personaggio malvagio della stagione (che diciamocelo, fa diventare un tenero orsacchiottone il defunto Governatore).

Il male che hanno subito li cambia, li rende cattivi. Ma perché le persone diventano cattive? Ve lo siete mai chiesto?
Io mentre guardavo quei flashback per un attimo ho avuto pietà per loro, in fondo avevano delle buone ragioni per essere incazzati. Il punto è questo: l’ingiustizia, per quanto grossa sia, giustifica la vendetta? E avere ragione poi ci rende davvero così felici?

Il male è come un morbo, è come il virus degli zombie, vieni morso e il virus inizia a espandersi. Ovvero, tendiamo a ripetere il male che abbiamo subito, a rispondere al male con il male. Un versetto della Bibbia dice “Non lasciarti vincere dal male”. Il male vince quando lo ripetiamo, quando ci logora dentro. E così è successo a questi personaggi di Terminus, sono diventati il male che hanno subito.

Una scena tratta dal terzo episodio


(Una scena tratta dal terzo episodio)

L’antidoto

Avere ragione non ci rende felici, nemmeno la vendetta o il portare odio ci fa stare meglio. Anzi, ci rende prigionieri e ci logora lentamente proprio come una malattia. Chi l’ha provato può dirlo, provare odio è davvero doloroso. Ed ecco qui che giungiamo a quella parolina tanto difficile da comprendere un po’ per tutti (me compresa): “Perdono”. In “The Walking Dead” l’abbiamo visto un esempio di perdono, quello di Tyreese nei confronti di Carol, una scena commovente, ma anche straziante. Eppure lui aveva eccome sete di vendetta, voleva ammazzare ferocemente chi aveva ucciso la sua amata Karen. Come abbiamo visto per lui non è stata proprio una passeggiata perdonare Carol, mi sono detta che lì per lì è più facile avercela con un nemico ignoto, ma quando diventa una persona conosciuta, magari amica, tutto cambia, son dolori, ma la cosa certa è che avercela con un male generico, privando l’altro dell’umanità, non aiuta a perdonare. Il perdono è una scelta difficile, è la via stretta, ma è anche l’unica via verso il bene, quello per se stessi in primis, se non si vuole finirezombieficati, e poi per il bene altrui. Si diventa così degli zombie senza nemmeno accorgersene; il male diventa parte di noi se non si perdona.

  • 1
  • 2
Tags:
perdono
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
4
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
7
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni