Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Nadia, l’angelo custode che ha amato il piccolo Mario

© Public Domain
Condividi

“Mio padre e mia madre mi hanno abbandonato, ma il Signore mi ha raccolto”

"Mio padre e mia madre mi hanno abbandonato, ma il Signore mi ha raccolto". Si può riassumere in questa citazione del Salmo 26 (7-14) la storia del piccolo Mario.

Ha avuto pietà di lui
Abbandonato alla nascita dai genitori, che non se la sono sentiti di portare sulle spalle il grave handicap di cui il piccolo era affetto, Mario è venuto al mondo solo. La sua vita sembrava irrimediabilmente perduta. Ma qualcuno ha avuto pietà di quel piccolo essere umano. Il Signore non si è dimenticato del piccolo e ha fatto arrivare Nadia, un vero e proprio angelo custode, che ha avuto pietà di lui, donando a Mario il tanto agognato amore materno.

Sempre al suo fianco
Nadia Ferrara è la sua infermiera all’ospedale di Grosseto e con lei è amore a prima vista. La donna, 46 anni, sceglie di  passare le sue giornate con Mario anche quando non è di turno all’ospedale: gli vuole bene, e decide di adottarlo. In un anno il piccolo, a causa del suo grave handicap, vede solo l’ospedale e le sale operatorie. Ma Nadia non ci sta: «Le sue giornate le passava da solo perché noi infermieri avevamo anche altri bimbi da seguire.» racconta l'infermiera «Se ne stava sul seggiolone con una giostrina attaccata sopra e ogni tanto muoveva la manina. O stava in culla. Partiva per il Meyer per le operazioni, tornava tutto pieno di tubi. Ed era solo. E io non ce la facevo più. Quando ero al lavoro stavo con lui, quando ero di riposo andavo all’ospedale per stare con lui».
 

Amore gratuito
La sua totale dedizione per Mario desta qualche perplessità tra i conoscenti di Nadia, ma lei non vuole rispamiarsi nonostante la salute del bimbo diventi sempre più precaria. E così Nadia decide di lasciare il lavoro e cambiare casa. Ne sceglie una al piano terra con un po’ di giardino dove Mario avrebbe potuto giocare. Non solo, l'infermiera porta il piccolo Mario in giro per il mondo, a scoprire il mare, le montagne insegnando al piccolo l’affetto e l’amore gratuito che ogni bambino desidera ricevere.

Testimonianza di vita
Nell'agosto del 2013 la situazione di Mario si complica «È stato malissimo. Ottenni di riportarlo a Grosseto dove gli trovarono una cura per le crisi. Poi siamo tornati a casa: dopo quasi tutta la vita in ospedale, non volevo che fosse lì quando la morte sarebbe arrivata. Volevo che morisse a casa sua»- Il 26 gennaio 2014 il piccolo Mario si spegne. Ma ciò che l'amore incondizionato di Nadia ha testimoniato è vivo ancora oggi.

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni