Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 13 Maggio |
Santa Giuliana da Norwich
home iconStorie
line break icon

Sono una cattolica divorziata, e sono certa che sarebbe un peccato mortale se facessi la Comunione

Jeffrey Bruno

Louise Mensch - pubblicato il 28/10/14

Non c’è modo che una di queste due cose possa essere vera e l’insegnamento della Chiesa anche. Se il peccato non conta, qual è stato l’obiettivo della crocifissione? Perché Cristo non ha fermato quel “pasto comunitario” del Giovedì Santo rimandando tutta la questione alla mattina dopo?

Ci sono modi in cui le persone divorziate civilmente e risposate possono essere ammesse alla Santa Comunione. Rendere più semplice per loro ottenere una dichiarazione di nullità. Ecco un’area in cui la Chiesa potrebbe essere più simpatetica, potrebbe dare dispense ed esenzioni. Il potere della “sanazione in radice” – garantito per varie ragioni – per sanare un matrimonio potrebbe essere amministrato più spesso. Quel potere esiste davvero. Dove la Chiesa può legittimamente cambiare è nelle questioni di tradizione e pratica, ma non a livello di dottrina o dogma. Qui, noi peccatori siamo protetti dai fallimenti umani di singoli sacerdoti e vescovi dall’infallibilità della Chiesa.

A livello teologico, la Chiesa è come una torre gigante nel gioco Jenga; metti un mattoncino e fai cadere tutti gli altri. Non possiamo ammettere che il sesso fuori dal matrimonio non sia adulterino, né possiamo dire che le persone che si trovano in peccato mortale possono ricevere la Santa Comunione, ma possiamo guardare di più ai poteri dati alla Chiesa di dichiarare e discernere quando qualcuno è in stato di peccato o dove, per ragioni puramente misericordiose, un’unione può essere sanata da poteri già garantiti ai nostri vescovi dallo Spirito Santo.

Nulla mi persuaderà mai a ricevere la Santa Comunione in uno stato di peccato grave, tranne che per una ragione seria. Una volta l’ho fatto, quando ho scoperto che un protestante al matrimonio di mia sorella si era avvicinato al sacerdote, aveva preso l’Ostia e se l’era messa in tasca. Il povero sacerdote aveva esitato, ma l’uomo se n’era andato. Era straniero e non aveva capito. Sono andata a cercarlo alla reception e lui ha detto “Non volevo interrompere la fila”. Gli ho chiesto se poteva darmi l’Ostia, ho fatto un breve atto di adorazione e contrizione e l’ho mangiata, anche se in quel momento non ero nelle condizioni di riceverla. Mi è sembrato il male minore, e sicuramente era questa la mia intenzione. Credo che in quella circostanza sia stato valido prendere l’Ostia (anche se non ne sono sicura). Un giorno spero di poterlo rifare, ma capisco che la Chiesa, mentre cerca di sottolineare la misericordia, non può farlo incoraggiando il peccato. La Comunione non è, come ha detto il giornalista del Tablet con cui ho dibattuto su Twitter la questione, solo “per i santi”, è vero, ma non è nemmeno, come ha affermato lui, “un aiuto per il cammino”. È la Presenza Reale di Cristo nell’Eucaristia. Per quanto possa essere fuori moda, resta vero.

Louise Mensch è stata membro conservatore del Parlamento per Corby dal 2010 al 2012. Èautrice e confondatrice della Hudson Union Society.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

  • 1
  • 2
Tags:
matrimonio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni