Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconNews
line break icon

Niente sesso siamo giapponesi

© motoyen

Aleteia - pubblicato il 20/10/14

Le giovani donne nipponiche si astengono dai rapporti. Ma non ha niente a che vedere con la castità

Un dato su cui riflettere: secondo il ministero della salute del Sol Levante, comparsi sul settimanale Il Venerdì, in Giappone è vergine quasi la metà (il 40, 1%) delle ragazze tra i 20 e i 24 anni e un quarto di quelle tra i 35 e i 39 anni. E non parliamo della possibilità di una relazione affettiva stabile, un tabù che non si può neanche menzionare. Perché?

Astensione totale
La risposta è servita fredda: avere successo nel lavoro. E diventa glaciale se l’invito ad allontanare le relazioni, come riportato su Huffington Post (17 ottobre) viene dal tuo capo. A raccontarlo è una donna, Sayaka Osabake, 37 anni: “Tornata al lavoro subito dopo il mio secondo aborto spontaneo le prime domande che mi sono sentita rivolgere dal capo sono state: Vuole ancora provare a sfornare bambini? Ha ricominciato ad avere le mestruazioni? Si astenga dai rapporti sessuali per due o tre anni e si concentri sul lavoro”.

Vade retro amore
Naoko Mikitani, 34enne dirigente di una ditta di Tokio allontana ogni possibile rapporto amoroso: “I tuoi genitori fanno debiti per mandarti alle dispendiose scuole d’élite per assicurarti un futuro da manager, dall’asilo al liceo, dall’università al master post-laurea. Tu studi da matti, consegui il dottorato, fai uno, due, tre concorsi. Poi una sera un sakè di troppo, cedi a un bel ragazzo e meno di un anno dopo ti ritrovi quasi trentenne davanti ai fornelli. Non se ne parla”.

Educazione alla sessualità
Dunque le giovani donne giapponesi sarebbero caste e pure? Va ricordato che questa scelta non è paragonabile con la castità o la dedizione della propria verginità a Dio. Tutt’altro. E’ la scelta di eludere dai giochi una parte importante dell’essere umano. Non è un dare. E nemmeno un ricevere. E’ una saracinesca davanti alla porta della realtà, una vera e propria "castrazione del desiderio" in cui non si considera la possibilità di un percorso chiamatoeducazione alla sessualità.Un cammino affascinante, dove la parola "dono" accompagna chi intraprende questa strada che la Chiesa, da sempre, propone a tutti.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
castitàeducazione sessuale
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni