Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 28 Settembre |
San Vincenzo de Paoli
home iconNews
line break icon

“Qui mi sento più utile”, diceva Manuel García Viejo, morto di ebola

© Rafael Armada y Javier Sánchez / Hermanos de San Juan de Dios f

Mundo Negro - pubblicato il 15/10/14

La semplice testimonianza di un religioso che ha dato tutto

L’Ospedale di San Giovanni di Dio a Lunsar è una struttura modesta. Nell’estate 2012 i raggi x erano fuori uso a causa di un guasto al generatore elettrico e mancavano medicinali nel dispensario al quale in genere accorre la gente che ha difficoltà a pagare i tre euro che costano i sieri necessari a effettuare un’operazione. A questa gente e a questo ospedale ha dedicato i suoi ultimi dodici anni Manuel García Viejo, che realizzando il suo desiderio – “Rimarrò in Sierra Leone finché potrò” – è rimasto alla guida del sanatorio fino a quando è stato evacuato per il rapido deterioramento delle sue condizioni di salute a causa dell’ebola, virus che lo ha portato alla morte. In quell’ospedale di Lunsar, nell’estate 2012 c’era un’équipe di Mundo Negro. Lì abbiamo conosciuto Manuel. Ciò che segue raccoglie alcune impressioni e parte della conversazione di quell’incontro.

Manuel si sentiva utile. Forse quella tranquillità di sentire che occupava il luogo che gli spettava ha favorito lo sviluppo di una personalità affabile. Il fratello di San Giovanni di Dio era uno dei pochi medici a Lunsar. Quando è arrivato in Sierra Leone era appena finita la guerra e ha visto che dell’ospedale in cui doveva lavorare restavano solo le pareti. “Era sgangherato. C’erano stati 700 soldati delle Nazioni Unite ed erano stati quasi peggio della guerra. Il dispensario era completamente distrutto”. Manuel e i suoi compagni lo hanno risistemato grazie a un contributo dell’Unione Europea.

“La cosa migliore del fatto di lavorare qui è l’ambiente che trovi”, diceva. “Mi piace lavorare con la gente, e quella di qui è meravigliosa. Le persone sono molto gentili, generose e grate, ma anche molto povere. A me è sempre piaciuto questo contatto nel lavoro. Succedeva lo stesso in Ghana. Ti rafforza la vocazione. Ti fa sentire utile. Sicuramente più che là (in Spagna), dove ci sono più professionisti. Qui c’è molto bisogno, e quindi si è più utili”.

García Viejo era stato vent’anni in Ghana ed era da dieci in Sierra Leone. Provava simpatia per la gente di questi Paesi e lo infastidiva ascoltare opinioni negative sugli africani: “Molte volte non sono idee giuste. Si tratta di persone che non hanno risorse, con difficoltà per mangiare e per vivere… A volte vengono giudicati pigre perché non lavorano, o si dice che pensano solo a fare figli. Forse ci sono casi isolati di questo tipo, ma quasi sempre c’è una ragione oggettiva perché qualcuno si comporti in un certo modo”.

Contrariamente a molti missionari, il suo sogno non era quello di vivere in Africa. “Quando sono entrato come fratello di San Giovanni di Dio non pensavo di andare in Africa, ma poi, quando stavo studiando, c’erano già dei fratelli a Monrovia e in Ghana. Nell’ordine eravamo pochi medici, e la cosa normale era che andassimo dove serviva”.

A poco a poco la situazione è cambiata: “C’era molta necessità. Quando vieni lo fai un po’ per vedere cosa succede, ma poi inizia a piacerti. Poi ti dici: resterò qui finché posso”.

“Finché sto bene, cosa faccio in Spagna? Anche qui ci si gode la vita. Se stessimo male sarebbe un’altra cosa, ma non è così. È una vita semplice, senza complicazioni. Una vita con problemi come li hanno tutti. Il lavoro ha le sue difficoltà, perché ci sono pochissimi mezzi e ti vedi costretto a risolvere le cose per conto tuo, ma non siamo venuti qui a risolvere tutti i problemi di questa gente, ma a dare loro un aiuto. Facciamo quello che possiamo, nient’altro”.

“In questo ospedale sono sempre venuti medici volontari. Ad esempio, tutti gli anni veniva un pediatra, che qui è un lusso. Vengono anche ora, ma si è tutto fermato un po’ perché con la crisi di medici questi non hanno già tanta libertà per venire in questi luoghi. Se un medico viene in vacanza d’estate non lo sostituiscono più. Abbiamo più problemi a trovare gente”, ci aveva detto Manuel quando era uscito il tema della crisi.

  • 1
  • 2
Tags:
ebolatestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SHEPHERDS
José Miguel Carrera
Il dolore dei genitori per i figli che non vogliono più sapere ni...
2
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa contro la Chiesa “parallela” in cui si bestemmia l’azione...
4
SLEEPING
Cecilia Pigg
7 modi in cui i santi possono aiutarvi a dormire meglio di notte
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Couple, Sleep, Snoring, Night
Cecilia Pigg
Trucchetti dei santi per dormire bene
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni