Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 29 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconChiesa
line break icon

La Chiesa guarda al mondo con simpatia

© Sabrina Fusco / ALETEIA

Chiara Santomiero - Aleteia - pubblicato il 13/10/14

Al Sinodo come al Concilio. Nella prima sintesi dei lavori attenzione a divorziati risposati e gay

Se, come ha affermato il presidente delegato, cardinale Luis Antonio Tagle, nel briefing con i giornalisti, la relatio post disceptationem è uno specchio attraverso il quale guardare il cammino compiuto, la prima sintesi del lavoro di confronto svolto all’interno del Sinodo straordinario sulla famiglia riflette una chiara volontà di apertura e di dialogo con il mondo da parte della Chiesa. Anche sui temi più difficili quali divorziati-risposati e coppie omosessuali. "Questo è lo spirito del Concilio Vaticano II – ha sottolineato mons. Bruno Forte, arcivescovo di Chieti-Vasto e segretario speciale del Sinodo riportando l’opinione espressa da diversi padri sinodali -, lo spirito del testo conciliare Gaudium et spes con una Chiesa che guarda il mondo con simpatia e fa sue ‘le speranze, le gioie, le sofferenze degli uomini e le donne del suo tempo’".

Stamattina, nel corso dell’undicesima Congregazione generale del Sinodo, il relatore generale card. Peter Erdo, arcivescovo di Esztergom-Budapest, ha presentato la relatio post disceptationem, una sorta di documento di lavoro intermedio, cui è seguita, ha riferito padre Federico Lombardi nel corso della conferenza stampa nella Sala stampa vaticana, una "ampia discussione, con 41 interventi che hanno occupato quasi due ore e hanno dato il senso di un cammino che continua".

"Work in progress" è la parola d’ordine, perchè la relatio è solo la sintesi della prima settimana dei lavori e, dopo l’approfondimento nei circoli minori, verrà redatto un documento conclusivo insieme a un messaggio per gli uomini di buona volontà. Tutto questo diventerà la base per la riflessione ulteriore che porterà all’Assemblea ordinaria del Sinodo dei vescovi dal 4 al 25 ottobre 2015 con il titolo "La vocazione e la missione della famiglia nella Chiesa e nel mondo contemporaneo" che oggi Papa Francesco ha convocato ufficialmente.

Alcuni orientamenti appaiono chiari. Intanto, ha rilevato mons. Forte, "l’attenzione alla legge della gradualità", contro il "rischio di voler tagliare le cose con l’accetta". Se è vero che "il linguaggio del Vangelo è ‘sì, sì no no’", tuttavia c’è una "logica del divenire, di progressività, di maturazione" di cui tenere conto. Esiste cioè "un modo articolato di partecipare al Mysterium Ecclesiae da parte dei battezzati" che risponde alla stessa logica del Concilio Vaticano II che 50 anni fa riconobbe "semi di verita’" nelle altre fedi rendendo possibile il dialogo interreligioso.

Per questo la relatio post disceptationem parla di un "accompagnamento pastorale che parta sempre dagli aspetti positivi" del matrimonio civile e "fatte le debite differenze, delle convivenze" cercando di trasformarle in "opportunità di cammino verso la pienezza del matrimonio e della famiglia alla luce del Vangelo". Il discorso comprende anche le convivenze tra omosessuali, persone che "hanno doti e qualità da offrire alla comunità cristiana". "Senza negare le problematiche morali connesse alle unioni omosessuali si prende atto – si legge ancora nella relatio – che vi sono casi in cui il mutuo sostegno fino al sacrificio costituisce un appoggio prezioso per la vita dei partners". Inoltre, "la Chiesa ha attenzione speciale verso i bambini che vivono con coppie dello stesso sesso, ribadendo che al primo posto vanno messi sempre le esigenze e i diritti dei piccoli".

E, sollecitato dalle domande dei giornalisti, mons. Forte – che appare come l’estensore principale di questa parte del documento – ha precisato che "mi sembra evidente che le persone umane coinvolte nelle diverse esperienze hanno dei diritti che debbono essere tutelati. Non equiparazione al matrimonio tra uomo e donna non significa non riconoscere diritti che vanno riconosciuti anche nella codificazione. E’ una questione di civiltà".

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
sinodo famiglia
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
VITIGUDINO
Gelsomino Del Guercio
Prima brillante medico, poi suora: la bella s...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni