Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La Chiesa è stata assente durante la Rivoluzine Industriale? Non del tutto…

Le blogue de Jacques Gauthier
Condividi

Due laici, il francese Ozanam e l'italiano Toniolo, lottarono per la dignità degli operai e sono un modello ancora oggi

Jacques Maritain si chiedeva perché i santi non avessero sostenuto le rivendicazioni operaie durante la convulsa epoca industriale, mentre lo avevano fatto in altri momenti storici accompagnando i più deboli. Da questa “dimenticanza”, che favorì le nascenti ideologie socialiste per guidare l’azione contro le gravi ingiustizie che si commettevano, il filosofo francese escludeva Frédéric Ozanam e Giuseppe Toniolo, ancora non arrivati agli altari anche se sono in cammino.

Lo scorso anno si è celebrato il bicentenario della nascita di Ozanam (1813-1853), cattolico francese anche se nato a Milano che fondò nel 1833 le Società di San Vincenzo de’ Paoli, istituzioni attualmente diffuse in tutto il mondo per prendersi cura degli emarginati e dei diseredati delle trasformazioni economiche del XIX secolo.

Poliglotta – parlava ebraico, sanscrito e tedesco –, ottenne la cattedra di Diritto Mercantile, e in seguito quella di Letteratura straniera. In quell’epoca, in cui frequentava Chateaubriand, Lacordaire e il fisico Ampère, subì una crisi religiosa dalla quale uscì più consapevole del suo impegno con i più poveri, dei quali diceva: “Essi sono per noi le immagini di quel Dio che non vediamo, e visto che non sappiamo amarlo in altro modo, lo ameremo nelle loro persone”.

Proclamò che la carità doveva essere una preoccupazione dei cattolici, soprattutto quando imperversava la miseria tra la popolazione per l’inizio dell’industrializzazione, aggravata dall’epidemia di colera di Parigi. In questo senso, affermava con veemenza: “La terra si è raffreddata, spetta a noi cattolici rianimare il calore vitale che si spegne, siamo noi che dobbiamo ricominciare la grande opera della rigenerazione, anche se fosse necessario riprendere l’era dei martiri. Resteremo inerti in un mondo che soffre e geme?”

Critica al libero mercato

Per incanalare questa carità, organizzò una serie di conferenze di apologetica in cui si riunirono, con l’acquiescenza dell’arcivescovo Quélen, vari allievi della Sorbona che condividevano le sue idee e alcuni intellettuali per creare un corpo di docenti di religione che rivitalizzasse l’insegnamento dei postulati cristiani.

Da queste riunioni nacque nel 1833 la Conferenza di Carità, gruppo che aveva l’obiettivo di aiutare i più bisognosi. Due anni dopo adottò delle regole con le quali venne fondata la Società di San Vincenzo de’ Paoli. Ozanam cristalizzò così una delle sue frasi ricorrenti: “Abbiamo due vite, una per cercare la verità e difenderla, l’altra per praticarla”.

Esperto di storia, diritto, letteratura e dottrina sociale, Ozanam scrisse varie opere, ma il suo apporto principale e il motore delle sue azioni fu l’esercizio della carità, che doveva estendersi a tutti i bisognosi, anche a quelli che non erano cattolici o erano di altri Paesi.

È stato uno dei primi a criticare i postulati del libero mercato, che provocava tante disuguaglianze sociali. Le sue posizioni vennero spregiativamente ritenute vicine al socialismo, ma il suo impegno cattolico era chiaro a quanti non distorcevano le sue parole e le sue azioni: “Ho voluto senza dubbio consacrare la mia vita al servizio della fede, ma considerandomi servo inutile, operaio dell’ultima ora”. La sua esposizione della Dottrina Sociale della Chiesa cattolica nei suoi insegnamenti di Diritto Mercantile a Lione fu l’anticamera dell’enciclica Rerum novarum di papa Leone XIII.

Ozanam impegnò tutte le sue energie a favore dei più sfortunati, trascurando la sua salute. Morì a 42 anni lasciando 2.000 centri della Società di San Vincenzo de’ Paoli in 29 Paesi. La richiesta di beatificazione della sua persona è stata avanzata nel 1923, e il processo si è aperto il 15 marzo 1925, anche se non è stato reso effettivo fino a che Giovanni Paolo II non l’ha ratificato il 22 agosto 1997.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni