Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 25 Giugno |
home iconApprofondimenti
line break icon

In 30 Paesi chi guida lo Stato deve appartenere a qualche religione

© Fernando Vicente

Jaime Septién - Aleteia - pubblicato il 30/09/14

Soprattutto in Medio Oriente e in Africa

Per la maggior parte dei Paesi occidentali, la separazione tra Chiesa e Stato è un fatto incontrovertibile. Esiste tuttavia – soprattutto in Medio Oriente e nel Nordafrica – un gruppo di Paesi che esige che chi guida lo Stato appartenga a qualche religione.

Lo mostra l’articolo della ricercatrice Angelina Theodorou basato sulle ricerche più recenti sull’argomento del Centro di Ricerche Pew. 30 Paesi, che costituiscono il 15% della totalità dei Paesi del mondo, non hanno intrapreso questa separazione, che ad esempio per papa Benedetto XVI era una “benedizione”.

La lista dei Paesi in cui i candidati e i capi politici devono appartenere a una religione include il Libano, dove si richiede che il Presidente sia membro della Chiesa cristiana maronita.

La maggior parte dei Paesi che specificano l’appartenenza del Capo di Stato a una religione è musulmana. Ci sono 17 Paesi in cui è obbligatorio che il Presidente o il Capo di Governo sia un musulmano, tra i quali spiccano Giordania, Tunisia, Malesia, Pakistan e Mauritania.

Ci sono solo due Paesi – Libano e Andorra – in cui chi guida lo Stato deve avere un’affiliazione cristiana. In Libano c’è anche un altro requisito: il Primo Ministro deve essere un musulmano sunnita. Altri due Paesi obbligano a che il Capo di Stato sia buddista: il Bhutan e la Thailandia.

Dall’altro lato, 8 Paesi, includendo Bolivia, Messico ed El Salvador, proibiscono in modo specifico che un ecclesiastico corra alle elezioni presidenziali, mentre in Myanmar al Presidente è proibito essere membro di un ordine religioso.

L’85% dei Paesi della Terra permette che cittadini con qualsiasi affiliazione religiosa possano diventare Capi di Stato o di Governo.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
religionestato
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
saint paul
Giovanni Marcotullio
La Santa Sede contro il ddl Zan: è caso diplomatico
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
5
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
6
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
7
Gelsomino Del Guercio
Roberto Mancini e la sua fede: “La Madonna è la mamma di tu...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni