Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 24 Settembre |
San Vincenzo Maria Strambi
home iconNews
line break icon

Intervista ai nonni iracheni perseguitati dall’ISIS e abbracciati da papa Francesco

Ary Waldir Ramos Díaz - Aleteia - pubblicato il 29/09/14

“Amare i nostri nemici è l'insegnamento che dobbiamo offrire ai nostri nipoti”, dice il nonno, rifugiato in Kurdistan

Domenica 28 settembre, papa Francesco ha ricevuto 40.000 nonni in Piazza San Pietro. Anziani di 20 Paesi hanno ricevuto la benedizione papale. Aleteia ha conversato con la coppia di nonni iracheni che ha testimoniato il dolore degli anziani rifugiati nelle zone di guerra durante la giornata chiamata “la benedizione della lunga vita”, organizzata dal Pontificio Consiglio per la Famiglia in Vaticano.

Mubarak Abdula Yono (74 anni) e sua moglie Aneesa (63), di Qaraqosh (Mosul), cristiani, profughi a causa della loro fede, sono giunti a Roma per salutare papa Bergoglio e far sentire la voce dei tanti anziani che soffrono la persecuzione nelle zona di conflitto. Rappresentano i circa 250.000 cristiani rifugiati in Kurdistan dall’inizio delle violenze dei militanti dello Stato Islamico, ISIS, nel nord dell’Iraq.

La coppia ha festeggiato le nozze d’oro nel 2013, essendosi sposata nel 1963, e ha 10 figli, uno dei quali sacerdote cattolico. Ha 12 nipoti: il più grande ha 15 anni, il più piccolo 3 mesi.

La signora Aneesa non perde la speranza di poter tornare a casa propria. Afferma che la sua forza è la fede in Gesù Cristo e invita tutte le nonne a pregare il Signore. “Sono certa che ci farà tornare nelle nostre terre e nelle nostre città”.

Abbiamo intervistato il nonno, che ci ha confessato di pregare per i suoi persecutori: “Gesù Cristo ci ha insegnato a pregare per quanti ci perseguitano”. Dopo 30 anni di servizio all’infanzia nel suo Paese, questo docente di scuola media insegna ai nipoti la fede e l’amore per la loro cultura.

Qual è il messaggio che porterete a papa Francesco?
Vogliamo dire a papa Francesco che abbiamo bisogno di lui perché ci dia forza e coraggio per persistere nella nostra fede.

Come vi ha sostenuto la fede in questi momenti difficili?
Senza la nostra fede non avremmo potuto andarcene da lì (Qaraqosh). Senza fede non avremmo potuto superare tutti questi problemi. Con la nostra fede abbiamo potuto essere più forti.

Come aiuterà questo incontro con papa Francesco altri nonni in difficoltà in Iraq e in Siria?
Speriamo di portare la benedizione di papa Francesco ad altri nonni che ne hanno bisogno nella nostra regione. Questo ci darà coraggio. Il Santo Padre con le sue preghiere è vicino a noi.

Come commenta ciò che sta facendo l’ISIS contro i cristiani in Iraq?
L’odio dell’ISIS non è nuovo. È un odio che si trovava già nella mentalità delle persone fondamentaliste. Già avevamo vissuto momenti difficili come questo. E abbiamo capito che quest’odio li consuma e se lo porteranno dentro per sempre.

Qual è stato il momento più difficile che avete dovuto affrontare?

Il momento più difficile è stato quello in cui siamo fuggiti. Abbandonare tutto e correre. Abbiamo lasciato la nostra città. Ricordo quando abbiamo dovuto attraversare il posto di controllo della zona. Siamo fuggiti con tante persone che si sono rifugiate in Kurdistan.

Quali speranze avete per il futuro?

Vogliamo tornare nella nostra terra. Abbiamo insegnato ai nostri figli e ai nostri nipoti ad amare la propria terra. E ad avere il coraggio e la fede per anelare a tornarci un giorno.

Qual è l’insegnamento che cercate di trasmettere ai vostri nipoti in questo momento difficile?

La Bibbia ci insegna ad amare i nostri nemici, e questo è l’insegnamento fondamentale che dobbiamo trasmettere ai nostri nipoti.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
nonnipapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
BIBLE
Patty Knap
Se soffri d’ansia, devi conoscere il consiglio più ripetuto nella...
7
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni