Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Egitto: donna cristiana racconta il sequestro e le pressioni per convertirsi all’Islam

© AIUTO CHIESA CHE SOFFRE
Condividi

Sfuggita ai suoi carcerieri è potuta tornare al suo villaggio. Sospetti nelle forze dell'ordine

“Sono cristiana e voglio essere cristiana. Non mi sono mai convertita all’Islam”. È quanto afferma Eman Marcos, la donna copta sequestrata nei mesi scorsi e ritornata alcuni giorni fa nel suo villaggio di Jabal al-Tair. Intervistata dal quotidiano Mcm Direct Eman racconta i giorni di prigionia. “Mi avevano rinchiuso in un appartamento al Cairo – spiega – due donne musulmane, velate, stavano con me nella stanza e controllavano che non avessi contatti con il mondo esterno”. “Queste donne – continua – tutti i giorni tentavano di farmi il lavaggio del cervello affinché abbandonassi il cristianesimo per abbracciare l’Islam, ma io non ho ceduto”. “Sono cristiana – dice Eman- e voglio vivere e morire cristiana”. Le dichiarazioni della donna contrastano con quanto affermato dal ministro dell’Interno egiziano Mohammad Ibrahim, che aveva rivelato ai media la conversione all’Islam della donna. La falsa notizia è stata probabilmente diffusa da alcuni ufficiali di polizia che erano in contatto con i rapitori durante il sequestro.

Il calvario di Eman inizia lo scorso 3 settembre in una strada del suo villaggio situato nella provincia di Samalout, nell’Alto Egitto. “Ero andata a fare visita a mia madre – racconta – quando una donna mi ha sorpreso alle spalle e mi ha addormentata con un liquido soporifero”. I rapitori, un uomo e una donna, la portano dentro la loro auto. Eman si risveglia alcune ore dopo in quartiere del Cairo. La donna ammette di aver cercato di corrompere i sequestratori per convincerli a liberarla, ma senza successo. “Loro – continua – continuavano a dire che mio marito sapeva che ero fuggita da casa e mi avrebbe ucciso una volta che fossi tornata indietro”.

Dopo diverse settimane di prigionia, intorno al 20 di settembre Eman riesce a fuggire a suoi rapitori e a mettersi in contatto con la gente del suo villaggio. Fino al suo arrivo la popolazione cristiana di Jabal al-Tair controlla tutti gli accessi all’abitato per impedire eventuali incursioni dei vicini abitanti di Bani Ahmed, islamisti, e autori di diversi attacchi e rapimenti. Tuttavia i problemi non finiscono. Mentre la donna era prigioniera suo marito e le autorità politiche e religiose cristiane di Jabal al-Tair vanno a sporgere denuncia alla polizia, ma gli agenti li informano che la donna, madre di cinque figli, ha scelto di convertirsi all’Islam ed è fuggita insieme a una sua amica musulmana. Per convincere gli abitanti e il marito della fuga e della conversione all’Islam i poliziotti mostrano un certificato di Al-Azhar con il nome e una foto di una donna, che però non è Eman. Nessuno crede alla versione fornita dagli agenti e dallo stesso ministro dell’Interno. Per diversi giorni gli abitanti di Jabal al-Tair manifestano davanti alla stazione di polizia della provincia per spingere gli agenti ad attivare le ricerche della donna. Le forse di sicurezza rispondono però in modo duro, arrestando e picchiando alcuni manifestanti. Per placare la tensione il ministro dell’Interno organizza un incontro con una delegazione del villaggio, promettendo di liberare i prigionieri e di risarcire le famiglie.

In seguito al ritorno della donna, il marito e gli abitanti di Jabal al-Tair hanno citato in giudizio gli agenti di polizia, chiedendo al tribunale di aprire un’inchiesta sul rapimento e sulla tentata conversione. Emad Abdo, un abitante del villaggio, afferma: “Andremo alla polizia e faremo registrare agli agenti il ritorno di Eman dalla prigionia. Li informeremo che lei è tornata dalla prigionia e che ha ricevuto pressioni per cambiare religione”.

Dopo la Primavera araba del 2011 e il caos seguito alla caduta del presidente Hosni Mubarak e all’ascesa dei Fratelli Musulmani al potere, i casi di rapimento e conversioni forzate a danno di donne cristiane sono passati da qualche decina all’anno a oltre 200. La salita al potere del generale al Sisi nel 2013, non ha fermato i sequestri compiuti dagli islamisti. Secondo l’Associazione delle vittime di rapimenti e conversioni forzate (Association of Victims of Abduction and Forced Disappearance Avafd), dal 2011 sarebbero almeno 550 le giovani copte cristiane rapite da uomini musulmani e costrette a conversioni e matrimoni forzati.

Qui l’originale

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.