Aleteia
giovedì 22 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
Chiesa

Vent'anni dal vertice su popolazione e sviluppo de Il Cairo

© Suparna Sinha

Osservatorio Cardinale Van Thuân - pubblicato il 25/09/14

La battaglia è stata sulla definizione dell’aborto come delitto o come “diritto” della donna

di Giuseppe Brienza

Venti anni fa, proprio in questi giorni, si teneva a Il Cairo, in Egitto, la prima Conferenza Internazionale dell’Onu su Popolazione e Sviluppo (5-14 settembre 1994). Trattò di temi che, ancora oggi, sono al centro di gravi e potenziali ripercussioni sul diritto alla vita ed all’integrità della famiglia. Vale la pena, dunque, sintetizzarne i principali contenuti ed esiti.

Aborto: “diritto” o “delitto”?
La battaglia svoltasi a Il Cairo, principalmente, è stata sulla definizione dell’aborto come delitto o come e “diritto” della donna, ed il riconoscimento alla famiglia della primaria responsabilità educativa sui figli. Vale la pena di ricordare, come ha fatto Riccardo Cascioli su La Nuova Bussola Quotidiana, che allora due sono stati gli schieramenti contrapposti: «uno era guidato dagli Stati Uniti (con l’Unione Europea a fare da principale sostegno), il cui presidente Bill Clinton si era premurato in vista della Conferenza del Cairo di inviare un messaggio a tutti i capi di governo del mondo per spiegare che le politiche di controllo delle nascite erano una priorità di politica estera degli Stati Uniti (a buon intenditor…).[…] A fronteggiare gli Usa era la Santa Sede – capo delegazione era il cardinale Renato Raffaele Martino, allora Osservatore permanente presso l’Onu a New York – irriducibile nel difendere la dignità dell’uomo e il valore della famiglia, “patrimonio più originario e sacro dell’umanità”, come aveva detto papa Giovanni Paolo II per spiegare l’interesse della Chiesa in questa battaglia. Non a caso intorno alla Santa Sede si coagularono molti paesi del Sud del mondo, perché i poveri sono le prime vittime del movimento per il controllo delle nascite» (La battaglia del Cairo che la Chiesa sta perdendo, 8 settembre 2014).  

La missione diplomatica della Santa Sede presso l’Onu ha partecipato attivamente ai processi preparatori ed ai documenti finali non solo della conferenza su popolazione e sviluppo convocata nel 1994 a Il Cairo ma, anche, a quella di Pechino (Cina) nel 1995, al termine della quale venne adottata una Piattaforma per l’Azione (Platform for Action) mirata a creare i presupposti per l’uguaglianza fra i sessi, e l’attribuzione di maggiore potere decisionale e responsabilità alle donne.
In entrambe le conferenze è emersa in tutta la sua pericolosità quell’ideologia de-natalista, già diffusa in gran parte delle organizzazioni internazionali del dopoguerra, che fa capo principalmente alle teorie dell’economista Thomas Malthus (1766-1834). Secondo la teoria elaborata da quest’ultimo, pastore anglicano inglese, nel “Saggio sul principio della popolazione” (1798), a fronte del fenomeno della povertà mondiale, il problema fondamentale da risolvere non è quello della equa distribuzione delle risorse, bensì quello della sovrappopolazione, considerando un dato immodificabile l’attuale assetto sproporzionati della ricchezza e dello stock di risorse naturali disponibili.

Vittoria neo-malthusiana?
Alla luce di tale anti-solidaristica impostazione, prima della Conferenza del Cairo, gli esponenti del movimento internazionale neomalthusianohanno messo in atto quello che è stato definito il “gioco delle proiezioni” dell’incremento demografico globale. Delle tre ipotesi sullo sviluppo della popolazione mondiale allora fatte circolare, infatti, se ne agitava una “alta”, secondo la quale nel 2015 la stessa avrebbe ammontato a più di 11 miliardi di abitanti, una “media”, che prevede una stima nello stesso anno di 7,5 miliardi e, infine, una “bassa”, per la quale avrebbero abitato il mondo 6,5 miliardi di persone di lì ad una generazione. Ebbene, delle tre ipotesi, gli spin doctors di varie Agenzie internazionali ed ONG, alla vigilia della Conferenza del Cairo, hanno accreditato la “alta” come la più attendibile, sbagliando clamorosamente i propri calcoli. Delle tre ipotesi o proiezioni dell’ONU per la crescita della popolazione mondiale, infatti, oggi nessuno parla più dell’ipotesi “alta”, perché già si vedono gli effetti della stabilizzazione della crescita della popolazione, che si chiama “transizione demografica”.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
aborto
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha ...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni