Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 19 Giugno |
San Romualdo
home iconChiesa
line break icon

Come è nata la suddivisione dei Vangeli in capitoli e paragrafi?

@Jeffrey Bruno

Novena.it - pubblicato il 21/09/14

Ripercorriamo la storia dell'edizione della Sacra Scrittura

Domanda

I Vangeli che ho a casa sono divisi per capitoli e per paragrafi, ogni paragrafo ha il suo titolo. 
Nelle versioni della Cei 2008 che ho trovato in rete la divisione per paragrafi è sparita: è una scelta ufficiale? 
Qual è il motivo? 
Qual è la storia della suddivisione dei Vangeli in capitoli e paragrafi?

Risponde don Filippo Belli, docente di Sacra Scrittura alla Facoltà teologica dell’Italia Centrale.

La storia della suddivisione dei Vangeli in capitoli e paragrafi, come dell’intera Bibbia del resto, è una storia molto antica e non perfettamente lineare. Occorre dire che i primi manoscritti completi dei Vangeli e del Nuovo Testamento datano a partire dal IV° d.C. I manoscritti, proprio perché scritti a mano su pergamene, avevano un costo e un peso molto elevato. Per risparmiare sul materiale si usava scrivere il più fitto possibile e con pochi spazi. Non c’erano nemmeno, normalmente, spazi fra singole parole, cosa abituale, invece, per noi. Tuttavia fin dall’antichità si è sentita l’esigenza di suddividere il testo in sezioni per poter facilitare il lavoro di lettura e comprensione. Così attraverso degli spazi tra sezioni del testo, oppure delle brevi annotazioni a margine, sono state create delle ripartizioni del testo a seconda, generalmente, del contenuto.

Famosissima è la suddivisione dei Vangeli in varie brevi sezioni del vescovo Eusebio di Cesarea (263-339 d.C.) per facilitare l’individuazione dei passi paralleli nei vangeli e raggruppate in tredici tabelle. Avendo suddiviso i vangeli in diverse brevi sezioni a seconda del loro contenuto e numerandole, ha creato un sistema ingegnoso per leggere i passi paralleli assieme. Un sistema che fu utilizzato e riportato moltissimo nelle varie versioni dei Vangeli, sia in greco che in latino che in altre lingue. Ancora oggi in alcune edizioni critiche del testo greco del Nuovo Testamento figurano le famose tabelle di Eusebio.

Il passo successivo, fu la suddivisione del testo del Nuovo Testamento in capitoli e versetti, così come li conosciamo ora e universalmente utilizzati. L’opera, che ha avuto dei precedenti ma che non ebbero seguito, fu compiuta con successo da un appassionato studioso del testo del Nuovo Testamento e editore di testi antichi di nome Robert Estienne (famoso col nome latinizzato di Stephanus, 1503-1559). La storia racconta che si applicò a tale suddivisione del Nuovo Testamento durante un viaggio in carrozza da Lione a Parigi. Per alcuni questo è anche il motivi di alcune "sviste" dovute non tanto alla sua mancanza di maestria sul testo, quanto agli inevitabili sobbalzi della carrozza durante il viaggio. Pubblicata per la prima volta nel 1553 a Ginevra, la Bibbia con la numerazione dei versetti ebbe grande fortuna, tanto da diventare utilizzata oggi universalmente.

A parte questa convenzione accettata da tutti, la suddivisione che troviamo nelle diverse Bibbie attualmente in paragrafi, con eventualmente dei titoletti, è invece lasciata alla scelta del traduttore o editore di turno. È il motivo per il quale troviamo discordanza in queste ripartizioni.

Per quello che riguarda la Bibbia della CEI del 2008, in quanto traduzione ufficiale della Chiesa italiana cattolica, essa riporta ufficialmente la numerazione dei capitoli e versetti convenzionale, ma per quello che riguarda invece la suddivisione del testo in paragrafi con eventuali titoli di essi, la scelta dipende invece dal singolo editore che riporta il testo ufficiale. Così possiamo trovare lo stesso testo con la distribuzione dei paragrafi fatta in modo diverso. Motivi esegetici, pastorali, letterari guidano tale suddivisione e a seconda della percezione dei motivi sottostanti possono essere condivise oppure no.

L’unica suddivisione in sezioni del testo dei Vangeli che è universalmente riconosciuta nella Chiesa è quella liturgica. In questo caso i vari passi dei vangeli da leggere nelle diverse occasioni feriali o festive dipendono da quello che le norme liturgiche indicano.

Qui l’originale

Tags:
vangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
6
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
7
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni