Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Moscardin
Aleteia logo
home iconArte e Viaggi
line break icon

“Pre-persone”

© troita_<

Aleteia - pubblicato il 20/09/14

Ma la cosa più triste di tutte era l’immagine del bambino che, con grande coraggio, gioca nel suo cortile giorno dopo giorno, cercando di sperare, fingendo una sicurezza che non ha. Bene, si disse Ed Gantro, vedremo cosa faranno con me; ho trentacinque anni, e una laurea di Stanford. Mi sbatteranno in una gabbia per trenta giorni, con un piatto di plastica per il cibo, una fontanella e un angolo dove fare i miei bisogni davanti a tutti? E se ne nessuno mi adotta, mi metteranno a morte come tutti gli altri bambini? Sto rischiando molto, pensò. Ma hanno preso mio figlio, oggi, e il pericolo è cominciato allora, non quando mi sono fatto avanti, diventando anch’io una vittima. Diede un’occhiata ai tre ragazzini spaventati, e cercò qualcosa da dirgli – non solo a suo figlio, a tutti e tre. “‘Ascoltate’,” cominciò a citare. “‘Vi rivelerò un sacro segreto. Non dormiremo tra le braccia della morte. Noi…’” Ma non riuscì a ricordare il resto. Che fregatura!, si lagnò mentalmente. “‘Ci sveglieremo’” riprese, facendo del suo meglio. “‘In un lampo. In un batter d’occhio’.” “Basta fare casino”, ringhiò l’autista da dietro la rete metallica di protezione. “Non riesco a concentrarmi su questa cazzo di strada” aggiunse. “Sappiate che posso spruzzare un gas dove siete voi, e morirete tutti; è per le pre-persone turbolente. Allora, ci date un taglio o schiaccio il pulsante del gas?” “Non diremo più nulla”, si affrettò a rispondere Tim, con una muta, terrorizzata richiesta di collaborazione immediata a suo padre. Ed restò zitto. Quello sguardo era troppo per lui, e si arrese. In ogni caso, ragionò, quello che succede nel camion non è importante. Si sarebbe giocato tutto all’arrivo alla County Facility, dove al primo segno di problemi ci sarebbero stati giornalisti e reporter della tv. Così il viaggio proseguì in silenzio, ognuno chiuso nelle proprie paure, nei propri progetti. Ed Gantro perfezionò le sue idee su ciò che avrebbe fatto – su ciò che doveva fare. E non solo per Tim e tutti gli altri candidati a un aborto postparto; continuò a ragionare mentre il camion sobbalzava e superava lento curve e incroci.

***

Appena il veicolo parcheggiò nel ristretto piazzale della County Facility e il portellone sul retro fu aperto, Sam B. Carpenter, che portava avanti l’intera maledetta baracca, lo raggiunse, diede un’occhiata e disse: “C’è un adulto lì dentro, Ferris. Per dirla tutta, ti rendi conto di cosa ci hai portato? Una protesta, ecco cosa avevi rinchiuso nel tuo camion.” “Ma quest’uomo ha più volte confermato di non conoscere la matematica” si giustificò l’ufficiale. A Ed Gantro, Carpenter ordinò: “Mi passi il suo portafogli. Voglio il suo vero nome. Numero della Sicurezza Sociale, attestato di normalità della polizia regionale… forza, voglio sapere chi è lei in realtà.” “E’ solo un contadino”, si intromise Ferris, mentre l’uomo consegnava il suo portafogli bitorzoluto. “E voglio le sue impronte digitali” a
ggiunse il direttore della Facility. “Tutte. Immediatamente – priorità assoluta.” Gli piaceva esprimersi in quel modo. Dopo un’ora ricevette le registrazioni dalla giungla di computer della sicurezza interconnessi che faceva capo a una pseudo-zona pastorale della Virginia. “Quest’uomo si è laureato in matematica all’università di Stanford, poi ha conseguito un master in psicologia, che ha senza dubbio usato su tutti noi. Dobbiamo mandarlo via da qui.” “Avevo un’anima” raccontò Gantro. “Ma l’ho persa.” “Come?” chiese Carpenter, non trovando nulla al riguardo sui documenti ufficiali. “Un embolo. La porzione della mia corteccia cerebrale dove risiedeva la mia anima è andata distrutta quando ho inalato per sbaglio uno spray insetticida. E’ per questo che da allora vivo in aperta campagna nutrendomi di vermi e radici insieme a mio figlio Tim.” “Le faremo un elettroencefalogramma, annunciò Carpenter. “Cos’è?” chiese lui. “Uno di quei test mentali?” A Ferris, il suo superiore comunicò: “L’anima entra nel corpo a dodici anni. E tu hai portato qui un individuo adulto di sesso maschile… ha più di trent’anni. Potrebbero accusarci di omicidio. Dobbiamo sbarazzarci di lui. Riportalo esattamente dove l’hai trovato e scaricalo. Se non scende dal camion di sua spontanea volontà, riempilo di gas finché non si caca addosso e poi sbattilo fuori. E’ un’ordine che riguarda la sicurezza nazionale. Ne va del tuo lavoro, nonché della tua posizione nei confronti del codice penale di questo stato.” “Io devo stare qui”, intervenne Ed Gantro. “Sono stupido.” Carpenter lo ignorò. “Anche suo figlio. Con ogni probabilità è uno di quei matematici mutanti mentali che si vedono in tv. Ti hanno fregato. Magari hanno già avvisato i media. Riportali tutti indietro, somministragli il gas e riportali ovunque tu li abbia trovati. Se non ci riesci, lasciali in un posto qualsiasi, purché sia fuori mano.” “Ti stai lasciando prendere dall’isteria” rispose adirato Ferris. “Facciamo l’EEG e uno scan cerebrale a Gantro e magari dovremo davvero rilasciarlo, ma questi tre minori…” “Tutti geni”. rispose il suo superiore. “Fanno tutti parte della messinscena, solo che sei troppo stupido per capirlo. Buttali giù dal camion e fuori dai nostri terreni e nega – hai capito? – nega di aver mai incontrato uno qualsiasi di questi quattro. Attieniti a questa versione”.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
Tags:
abortobioetica
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Cosa intendeva Carlo Acutis quando parlava di “autostrada per il ...
3
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
4
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
5
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Gli ultimi istanti di vita di Carlo Acutis: “Chiuse gli occhi sor...
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
CONFESSION, PRIEST, WOMAN
Gelsomino Del Guercio
Segreto, psicologo e assoluzione: 3 consigli per una corretta Con...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni