Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Una Scozia indipendente sarebbe una Scozia anticattolica?

WEB-Scotland-Yes-Child-Boy-Phyllis-Buchanan – it

Phyllis-Buchanan-CC

Aleteia - pubblicato il 18/09/14

Permangono i dubbi al riguardo

di Greg Daly

A qualche giorno da quando migliaia di protestanti hanno sfilato per le vie di Edimburgo e il noto filosofo cattolico scozzese John Haldane ha espresso preoccupazioni per il destino della Chiesa in un’eventuale Scozia indipendente, un centinaio di cattolici scozzesi ha acquistato uno spazio pubblicitario per proclamare che “un voto per il ‘Sì’ nel referendum di questa settimana rende possibile una Scozia più giusta a livello sociale”.

Tra i firmatari della lettera, pubblicata sull’Herald, ci sono lo storico Owen Dudley Edwards, la cui sorella Ruth ha dichiarato che l’indipendenza scozzese potrebbe rinfocolare le tensioni settarie, sir Harry Burns, già Chief Medical Officer della Scozia, e il professor Duncan MacLaren, già segretario generale dell’agenzia ecclesiale per gli aiuti e lo sviluppo Caritas Internationalis.

“Come parte del Regno Unito, viviamo nel quarto Stato meno equilibrato del mondo”, ha detto MacLaren. “L’indipendenza ci permetterà di seguire le parole di papa Francesco e di dire ‘no’ a un’economia di esclusione e disuguaglianza, non solo per i nostri cittadini, ma – attraverso una politica estera basata sulla solidarietà con i più poveri – per quelli che soffrono fame e sfruttamento nel mondo”.

Citando la Evangelii Gaudium, MacLaren è sembrato trarre una lezione diversa da quella tratta dal rocker Bob Geldof dal principio per cui “il ‘no’ non è sempre una negazione”. Per MacLaren, la Scozia potrebbe servire il bene comune in casa e all’estero più come Paese indipendente che come parte del Regno Unito. In questo, sarebbe in linea con altri Paesi nordeuropei come la Norvegia, che spende per gli aiuti internazionali quasi un terzo di ciò che spende il Regno Unito pur avendo solo cinque milioni di abitanti – rispetto ai 64 della Gran Bretagna –, o l’Irlanda, che il mese scorso aveva 336 soldati impegnati nelle missioni di peacekeeping delle Nazioni Unite rispetto ai 282 del Regno Unito.

Un altro firmatario, Harry Schnitker, senior research fellow presso il St. Ninian’s Institute di Dundee, ritiene che ci siano poche speranze che i politici di Westminster votino in linea con i principi dei cattolici scozzesi.

“È vero che il Parlamento scozzese ha passato disegni di legge osteggiati dalla Chiesa cattolica”, ha dichiarato. L’esempio più recente è il Disegno di Legge per il Matrimonio e la Partnership Civile (Scozia), che il Parlamento scozzese ha approvato a febbraio. “Ma gli stessi disegni di legge sono stati approvati dal Parlamento britannico. Nell’insieme, ad ogni modo, le politiche approvate dal Parlamento scozzese sono più in linea con il pensiero cattolico”.

In Scozia c’è la percezione diffusa che la riforma del welfare in Inghilterra e Galles abbia rappresentato un “assalto” ai più poveri e ai più deboli. L’ironia della questione è che il segretario per il lavoro e le pensioni Iain Duncan Smith si è impegnato pubblicamente ad aiutare i britannici più vulnerabili nel 2002, a seguito di una visita alla residenza Easterhouse di Glasgow. Primo politico conservatore senior ad aver mai parlato alla conferenza del Partito Laburista, nel 2005, ha insistito in un dibattito del movimento socialista cristiano sul fatto che “chiunque dovrebbe avere abbastanza denaro per poter vivere in modo dignitoso nella propria comunità”, e che “a un certo punto dobbiamo ridistribuire le risorse, non solo le entrate”.

Pur avendo preso l’incarico nel 2010 con lo scopo di sradicare la povertà attraverso un sistema di credito universale, Smith ha visto le cose peggiorare in tutta la Gran Bretagna. A giugno di quest’anno, il Comitato per la Riforma del Welfare del Parlamento scozzese ha accusato il Dipartimento per il Lavoro e le Pensioni di ignorare un aumento del 400% nell’utilizzo del banco alimentare tra il 2012-2013 e il 2013-2014.

Cattolici come Harry Schnitker sperano che in una Scozia indipendente le cose potrebbero essere diverse. Una preoccupazione consistente dei cattolici circa l’indipendenza scozzese è che una Scozia indipendente diventerebbe una Scozia anticattolica. John Haldane, docente di Filosofia presso la St. Andrew’s University, ha affermato che “i liberali secolari progressisti vedono una Scozia indipendente come la prima incarnazione di un’Europa post-religiosa”. Ciò è particolarmente evidente nelle discussioni sulla Chiesa cattolica, sulla quale, sostiene, “si concentra l’attacco secolare”.

Haldane potrebbe sollevarsi un po’ per i sondaggi recenti che vedono l’indipendenza perdere 52 a 48, ma anche per i commenti del Ministro per gli Affari Legali del Governo scozzese, Roseanna Cunningham, MSP, che ha sottolineato come una Scozia indipendente richiederebbe una costituzione scritta, e ha insistito sul fatto che “la costituzione in vigore nel giorno dell’indipendenza difenderà i diritti e le libertà di tutti, includendo la libertà di religione e la difesa dell’educazione cattolica”.

Questa assicurazione è stata apprezzata da Peter Kearney, direttore dello Scottish Catholic Media Office, che ha richiamato l’attenzione sulla difesa promessa dalla Cunningham dell’educazione cattolica. Ad ogni modo, Michael McGrath, direttore dello Scottish Catholic Educating Service, ha affermato che questa protezione sarebbe “appropriata” ma resterebbe da vedere cosa potrebbe coinvolgere. “È solo uno dei dettagli ancora non chiari in vista del referendum”, ha aggiunto.

Un gruppo di accademici, tra i quali sir Tom Devine e Deirde McCann della Curham Law School, hanno offerto suggerimenti su come dovrebbero essere implementate queste forme di protezione. Secondo "Religious Freedom in Scotland: A Legal Proposal", una costituzione scozzese dovrebbe riconoscere il valore delle comunità religiose scozzesi, citando esplicitamente la libertà religiosa come libertà fondamentale e diritto di base, bandire la discriminazione sulla base delle convinzioni, riconoscere i diritti delle comunità religiose di vedere i figli educati nella propria fede e includere un meccanismo ragionevole per equilibrare le necessità del datore di lavoro con le pratiche religiose dei dipendenti.

L’arcivescovo di Edimburgo, Leo Cushley, ha detto di dubitare che il voto sull’indipendenza scozzese farà una grande differenza nell’atteggiamento della Scozia nei confronti della libertà di coscienza e di religione. Indipendente o con maggiori poteri, ha indicato Cushley, “il consenso politico e sociale generale esistente nell’Europa occidentale non cambierebbe”.

In questo momento, il consenso significa una situazione in cui la religione viene emarginata e fraintesa? John Haldane potrebbe aver ragione quando dice che, considerando la storia della Scozia e la sostanzialità della fede e della pratica cattoliche, “il test principale” di come una Scozia indipendente possa inaugurare una nuova era di Illuminismo scozzese “sarà il rispetto per il cattolicesimo”.

Greg Daly si occupa delle questioni relative al Regno Unito e all’Irlanda per Aleteia.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
chiesa cattolicascozia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni