Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Un terrorista si converte ed entra in un monastero

© Daniel Kedinger / Flickr CC
https://www.flickr.com/photos/danielkedinger/278356302/in/photostream/
Condividi

Si è confessato, ha iniziato ad andare a Messa e nel suo cuore è rinata la vocazione perduta nell'adolescenza

Le torri gemelle a New York, l’attentato di Atocha a Madrid, la mattanza sull’isola di Utoya in Norvegia, le atrocità di Boko Haram e del califfato dello Stato Islamico, la recente bomba nella metropolitana di Santiago del Cile hanno un fattore comune: l’odio e la disumanizzazione alla base del terrorismo.

Alcuni esseri umani che hanno messo in atto qualche volta il terrore riescono a liberarsi e a guarire dalla malvagità per rinascere a vita nuova. Dio è stato ed è la ragione di questa “resurrezione” nel caso dell’ex terrorista dell’ETA Jean Philippe Saez…

Saez è stato educato nell’amore per le tradizioni dei suoi genitori, e ad appena 19 anni era un noto virtuoso di Txistu (flauto tradizionale) dei Paesi Baschi francesi. Erano gli anni Settanta quando l’etarra Domingo Iturbe Abasoloi, alias Txomin, lo “arruolò” e lo formò per renderlo un membro del primo comando operativo (Argala) dell’ETA. Il gruppo, composto solo da baschi francesi, mise in atto le sue prime azioni terroristiche in Spagna nel 1978 e nel 1979.

“In quel momento”, ha confessato anni dopo Philippe, “l’ETA rappresentava il mito dei giorni gloriosi della lotta contro Franco. Unirmi era una sorta di esaltazione per me, ma presto dovetti vivere in clandestinità”.

Philippe, chiamato “Txistu”, scoprì rapidamente il macabro sentimento di essere protagonista del terrore dell’ETA, partecipando come palo ad almeno quattro attentati in cui i suoi compagni uccisero sette persone: l’industriale José Legaza, il magistrato José Francisco Mateu, il generale Constantino Ortiz, il tenente generale Luis Gómez Ortigüela, i colonnelli Agustín Laso e Jesús Avelós e l’autista Lorenzo Gómez.

Phillippe, palo nell’ultimo attentato a Laso, Avelós e Gómez, quel giorno fu sul punto di fuggire, ma avrebbe significato firmare la propria condanna a morte. Approfittando dei mesi di “silenzio” che l’organizzazione stessa gli aveva imposto perché passasse inosservato una volta tornato in Francia, si confessò, iniziò ad andare regolarmente a Messa e nel suo cuore rinacque la vocazione perduta nell’adolescenza. Entrare come monaco nell’abbazia benedettina di Notre Dame de Belloc era un suo sogno ricorrente.

L’ETA e l’abbazia
L’abbazia rappresentava fin dalle sue origini un simbolo di protezione per i baschi. Forse era uno dei motivi dell’influenza che aveva su Philippe. Era stata fondata nel 1874 da un gruppo di novizi baschi provenienti dal monastero di Pierre-que-Vire, con padre Agustín Bastres, di Lapurdi.

Il 1° settembre di quell’anno tutto il villaggio di Urt accompagnò i monaci fino a una vecchia cascina disabitata di Belloc cantando l’Ongi etorri-aita onak-Jainkozko gizonak (Benvenuto sia Dio, padre buono dell’uomo), come riferisce l’enciclopedia Auñamendi. Da allora quel luogo ha una lunga tradizione di ospitalità.

Durante la Guerra Civile spagnola vi si rifugiarono repubblicani e nazionalisti. Poi, nella II Guerra Mondiale, vi si nascosero membri della resistenza e piloti alleati inviati dalla rete Orion. Come conseguenza di ciò, alcuni monaci morirono nel campo di concentramento nazista di Dachau e l’abbazia ricevette la Legion d’Onore.

Nel maggio 1962 i monaci non ritennero quindi sconveniente che quel gruppo di baschi dalle idee indipendentiste realizzasse la sua prima assemblea nell’abbazia. Lì nacque l’ETA come “movimento rivoluzionario basco per la liberazione nazionale basato sulla resistenza patriottica, socialista, di carattere aconfessionale ed economicamente indipendente”. La stessa organizzazione che anni dopo, nella sua quinta assemblea, avrebbe consacrato la lotta armata scivolando verso il terrorismo.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.