Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La profetica – e disprezzata – voce di Benedetto XVI a Ratisbona

© OSSERVATORE ROMANO ARTURO MARI / POOL / AFP
GERMANY, Regensburg : This picture released by the Vatican 16 September 2006 shows Pope Benedict XVI giving a speech at the Regensburg (Ratisbonne)University, Germany, 12 September. The Vatican said on Saturday. "The Holy Father extremely sorry that certain passages of his speech appeared offensive to Muslim believers and were interpreted in a way that does not correspond in any way to his intentions," said the Vatican's new secretary of state, Tarcisio Bertone. AFP PHOTO / OSSERVATORE ROMANO / POOL
Condividi

Aveva invitato l’islam al dialogo partendo dalla ragione, e tutti – incluso l’Occidente – lo hanno attaccato senza pietà

L’Occidente laicista – politici, intellettuali e mezzi di comunicazione – ha disdegnato la proposta e, senza volere, si è reso complice per omissione del fondamentalismo che ha manipolato l’islam fino a creare un’ideologia di sterminio. La sua mancanza di comprensione è tale che ha tentato di mantenere il silenzio di fronte al sacrificio dei cristiani e di altre minoranze in Medio Oriente, ma la dura realtà si è imposta. È ora che comprenda che solo azioni multilaterali basate su una strategia che faccia della libertà religiosa e del dialogo interreligioso le proprie pietre angolari potrà raggiungere pace, giustizia e stabilità in Medio Oriente. Di fronte all’evidenza, sarà disposto a comprendere la lezione impartita dal vecchio professore? La risposta dipende dalla portata della sua superbia.

Ratzinger aveva ragione al di là della lezione di Ratisbona. Nelle prime righe del suo libro “Introduzione al Cristianesimo”, ci ricorda la parabola di Kierkegaard sul clown e sul villaggio in fiamme. Un circo si è fermato alla periferia di un villaggio, e all’improvviso viene avvolto dalle fiamme. Il padrone ordina a un clown, che aveva già indossato il costume di scena, di avvisare dell’imminente pericolo. Gli abitanti, anziché ascoltarlo, ridono di lui rendendone vani gli sforzi. Quando riescono a reagire è troppo tardi. Il villaggio è stato consumato dalle fiamme. In Medio Oriente è più di una semplice parabola.

Ad ogni modo, Ratzinger era ben lungi dall’esortare allo scoraggiamento. La sua teologia e il magistero pontificio sono stati un canto di speranza di acuta intelligenza. Il suo appello è al realismo nella speranza. La situazione attuale di chi evangelizza nella cultura dell’indifferenza, in realtà, ha poco di nuovo. Come Chiesa, non condividiamo la nostra sorte con il clown, ma con i santi e i profeti che hanno calcato la terra. Lo dice Geremia: “La parola del Signore è diventata per me motivo di obbrobrio e di scherno ogni giorno. Mi dicevo: ‘Non penserò più a lui, non parlerò più in suo nome!’. Ma nel mio cuore c’era come un fuoco ardente, chiuso nelle mie ossa; mi sforzavo di contenerlo, ma non potevo”. Sono convinto che questo sia il fuoco che Gesù ha portato nel mondo e che voleva tanto veder ardere.

La lezione di Ratisbona si è trasformata in un’evocazione. Il regno di Dio è simile a un seme che, una volta deposto nella terra, cresce giorno e notte anche se il lavoratore non se ne rende conto, fino a dare un frutto abbondante. Lo ha detto Gesù.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni