Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 19 Giugno |
San Romualdo
home iconChiesa
line break icon

I dogmi sono obbligatori ma sono anche necessari?

HOLMDEL,NJ-Bishop David M. O'Connell and a multitude of faithful venerate the Host at Adoration at the 1st Annual Eucharistic Congress in the Diocese of Trenton.

Vinonuovo.it - pubblicato il 06/09/14

Per credere nella presenza reale di Cristo nell'Eucaristia è indispensabile rifarsi alla definizione teologica di san Tommaso?

I dogmi sono «obbligatori»; ma sono anche «necessari»? Detto in altre parole: il cattolicesimo chiede ai suoi fedeli di credere obbligatoriamente ad alcuni princìpi, stabiliti in lunghi processi storici e con precise modalità. Ma questi dogmi sono davvero tutti «necessari» alla vita di fede?

La domanda sembrerà di certo eretica a molti lettori, ma non ho potuto fare a meno di pormela dopo aver letto un bel volume sull’eucaristia e sulla messa, «L’Ultima Cena, anzi la Prima» (Claudiana); l’autore Paolo Ricca è un protestante – valdese per la precisione – ma è sempre stato assai attento al dialogo ecumenico e in questo libro espone molto onestamente le diverse posizioni delle varie confessioni cristiane sul sacramento dell’eucaristia e sulla «santa cena» o messa che sia.

La lettura è stata istruttiva. Utile, per esempio, scoprire che in casa riformata il dibattito e l’approfondimento sul sacramento della comunione sono parecchio avanzati anche tra i laici, di certo più della norma dei credenti cattolici: anche perché la «santa cena» è in ambito protestante (a parte il battesimo) l’unico vero sacramento e logicamente su di essa si appuntano maggiori attenzioni, anche in funzione di una chiara distinzione dalla dottrina cattolica.

Ho appreso peraltro che in materia le posizioni delle varie correnti della Riforma sono tutt’altro che univoche, storicamente e nella prassi attuale delle Chiese. Per esempio Wyclif, un precursore di Lutero, si oppone recisamente alla dottrina della transustanziazione, però non nega la presenza reale: Cristo c’è effettivamente nel pane, ma non corporalmente, bensì in una sorta di unione immateriale che non i sensi ma la fede percepisce. Zwingli è più radicale: per lui l’eucaristia è un simbolo, «Questo è il mio corpo» va letto «Questo significa il mio corpo». Quanto a Calvino, l’altro grande riformatore, l’eucaristia è un insegnamento complementare a quello – fondamentale – della parola di Dio, è un aiuto, una conferma nella fede, un’ulteriore e più intima comunicazione di Cristo con l’uomo. Lutero infine ha la posizione più vicina al cattolicesimo: ammette infatti la presenza reale nell’eucaristia, vero corpo e vero pane, però rinuncia a spiegare come ciò avvenga.

Proprio quest’ultima linea di pensiero mi ha fatto riflettere: è possibile credere a una «presenza reale» anche senza aderire alla teoria della transustanziazione, ovvero alla tesi secondo la quale pane e vino cambiano di sostanza mantenendo la forma, i cosiddetti filosofici «accidenti»; perché dunque farne un dogma? A cosa serve? Risolve problemi o crea ulteriori difficoltà? Cosa aggiunge al contenuto dottrinale essenziale, ovvero quello di fondare una presenza effettiva di Cristo nel sacramento? A che scopo elevare (è avvenuto la prima volta al Concilio Laterano IV del 1215) un’ipotesi teologica come quella sistematizzata da san Tommaso – senz’altro ben argomentata ma anche legata alla cultura del suo tempo, e comunque passibile di evoluzioni – a verità assoluta e intangibile? In questo senso torno alla domanda iniziale se e quali dogmi cattolici sono davvero «necessari». Continueremo a discuterne nella prossima puntata.

Leggi qui l’originale

Tags:
dottrina cattolicaeucarestia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
6
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
7
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni