Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 14 Aprile |
Beato Rolando Rivi
home iconChiesa
line break icon

Papa Francesco “favorirà una Chiesa più disarmata, più agguerrita dal punto di vista spirituale”

© TIZIANA FABI / AFP

Vatican City : Pope Francis greets an handicapped person after his general audience in St Peter's Square at the Vatican on May 14, 2014. AFP PHOTO / TIZIANA FABI

Terre D'America - pubblicato il 13/08/14

Intervista con Maria Inés Narvaja, nipote di Papa Francesco

di Mojca Širok

Maria Inés Narvaja ha un sorriso che le copre tutto il viso. Largo, aperto, illuminante. Non voleva che la riprendessimo con la telecamera o che le scattassimo delle fotografie. Ho insistito per avere almeno una delle sue foto da piccola. O delle foto dei suoi familiari. Quando, alla fine, ha preso il protafoglio e scoperto un mucchio di vecchie fotografie, ho capito subito quale chiederle. Una piccola foto in bianco e nero che ritrae sua madre, Marta Regina Bergoglio Sivori, con il fratello Jorge Mario Bergoglio. Era evidente da dove veniva quel sorriso. Questa è la sua prima intervista. In famiglia era sempre solo Maria Elena, l’unica sorella del Papa ancora in vita, che parlava con i media. Ma io sapevo che Maria Inés aveva sposato uno sloveno, figlio di immigrati sloveni. E non ho smesso di cercarla. Ci è voluto parecchio per convincerla. Alla fine era come se avesimo stretto un patto: la mia vita può rimanere privata, ma i ricordi che ho di mio zio non possono piu’ appartenere solo a me. E così è iniziata l’intervista.

Com’era zio Jorge? Eravate molto vicini?

Gli zii sono molto importanti per noi; sono 5 fratelli e con tutti gli zii abbiamo sempre avuto un rapporto molto familiare; tutte le volte che dovevamo affrontare questioni di studio, o di lavoro, ne parlavamo con i nostri genitori, ma la mamma diceva sempre: “parla con lo zio, chiedi allo zio”. E’ stato sempre molto presente nella nostra vita, per seguirci, per consigliarci. Un’autoritá esigente; noi ci chidevamo sempre: “cosa ci dirá lo zio?”. Ci aiutava tantissimo, ci sosteneva.

Che tipo di consigli gli chiedevate?

Sulla vita. Sulla scuola, la religione, Dio, i rapporti fra le persone. Lo zio é una persona sempre di buon umore, e ridevamo tanto. Tutti e due abbiamo studiato letteratura, e ci scambiavamo le idee. Sostenevamo tra noi conversazioni a volte molto mistiche, a volte molto semplici, al punto di farci ridere di alcune situazioni. A lui piacciono molto i giochi di parole. E si possono dire parolacce davanti alui senza che succeda niente. Ieri l’ho sentito, e abbiamo parlato come se niente fosse.

Qual è il primo ricordo di suo zio?

Non sono del tutto sicura perché ero molto piccola, ma ricordo che quando era stato destinato a Córdoba, mi teneva il braccio mentre io guidavo in montagna; mi ha insegnato lui a guidare. Guardava con attenzione come guidavo.

Che cosa le piaceva di più in lui?

Il buon umore. Poi la metodicità; è molto scrupoloso; posso quasi prevedere quando mi chiamerà al telefono, il giorno e l’ora, perchè fa sempre le cose in un giorno determinato. E poi l’amore a Dio, a Gesù soprattutto, e ai piú poveri. Questo è qualcosa che lo zio ci ha sempre inculcato: preoccuparci dei poveri, impegnarci nella laicità della nostra vita in politica, in associazioni, per aiutare gli altri. E’ un aspetto radicato in lui, e anche nella mamma; è qualcosa che i miei nonni hanno inculcato fortemente in loro.

Era cosí anche prima? Prima di diventare vescovo?

Si, è sempre stato cosí; i miei fatelli piú grandi avevano 15, 16 anni e tutti i sabati andavano alla parrocchia dello zio ad aiutare i più poveri, a fare catechismo, a preparare loro la colazione. Io a quei tempi ero molto piccola, ma loro ci andavano sempre.

Lei si occupa di politica? O del sociale?

Siamo stati sempre impegnati nel sociale. Verso la politica ho sempre avuto un po’ di avversione. Lo zio era un personaggio pubblico, arcivescovo di Buenos Aires, era più complicato mettersi in gioco. Attualmente partecipo a una associazione senza fini di lucro che si dedica alle persone che vivono per strada. Per adesso non sono impegnata in politica, magari succederà in futuro.

  • 1
  • 2
  • 3
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
3
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
4
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
5
Divina Misericórdia
Gelsomino Del Guercio
Il Papa celebra domenica la Divina Misericordia. Ma perchè questa...
6
FEMALE DOCTOR,
La Croce - Quotidiano
Atea e obiettrice di coscienza da 10 anni: “non ce la facev...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni