Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 02 Marzo |
Sant'Agnese di Boemia
home iconNews
line break icon

L’ultima speranza per Razieh

© Nathan Rupert / Flickr CC

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 06/08/14

Amnesty rilancia la raccolta firme per bloccare la condanna a morte della 21enne iraniana

Una petizione on line per bloccare la condanna a morte di Razieh Ebrahimi. A rilanciare la raccolta firme promossa da Amnesty International è l’autorevole voce del Corriere della Sera (5 agosto). Razieh, ora 21enne, è stata condannata a morte nel 2010 per aver ucciso il marito. All’epoca, aveva 17 anni ed era stata data in sposa quando ne aveva 14.

Una corte iraniana, al termine della revisione del caso, ha confermato la pena capitale che prevede l’impiccagione. Ecco perché Amnesty, e il Corriere in Italia, si sono fatti portavoce di un ultimo tentativo per fermare l’esecuzione, che potrebbe avvenire da un giorno all’altro.

Nel corso degli interrogatori, Razieh avrebbe confessato di aver ucciso il marito durante il sonno, con un colpo di pistola alla testa, provata da tre anni di violenza fisica e psicologica. E’ stato lo stesso suo padre, che prima l’aveva obbligata a sposarsi, a consegnarla alla giustizia.

Scrive Il Sussidiario (27 giugno 2014), che secondo l’articolo 1041 del codice civile iraniano l’età minima prevista dalla legge per il matrimonio di una ragazza è di 13 anni, mentre i maschi possono sposarsi a 15 anni. Il padre o il nonno paterno possono dare legalmente in moglie ragazze di età persino inferiore a una persona di loro scelta, con il permesso del tribunale.

L’applicazione della pena di morte nei casi di minorenni all’epoca del reato è vietata dal diritto internazionale in base all’articolo 6 del Patto internazionale sui diritti civili e politici e alla Convenzione dei diritti dell’infanzia. L’Iran è parte di entrambi i trattati e ha quindi sottoscritto l’impegno a non portare a termine alcuna esecuzione per crimini commessi da persone con meno di 18 anni.

Oltre alla petizione, l’unica speranza che potrebbe salvare la giovane donna è il perdono dei parenti, ma non è avvenuto. Allo stesso modo non ha influito positivamente neppure il recente appello dell’Alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Navi Pillay, che aveva esortato l’Iran a fermare l’esecuzione e imporre una moratoria sulla pena di morte in vista di una sua totale abolizione. (Internazionale, 26 giugno).

Tags:
bambiniiran
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
4
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
7
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni