Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 20 Giugno |
San Romualdo
home iconChiesa
line break icon

Papa Francesco a Caserta: non lasciatevi rubare la speranza!

Radio Vaticana - pubblicato il 27/07/14

Con questo appello ha concluso l’omelia davanti alle decine di migliaia di fedeli che lo hanno atteso per ore

di Francesca Sabatinelli

Non lasciatevi rubare la speranza! Con questo appello il Papa ha concluso l’omelia davanti alle decine di migliaia di fedeli che a Caserta lo hanno atteso per ore, anche sotto la pioggia, in attesa proprio della sua parola di incoraggiamento. A tutti loro, Francesco ha detto che la speranza è Gesù ed è Lui il tesoro che trasforma l’esistenza degli uomini una volta che lo hanno trovato. Attraverso le parabole del ricco mercante e del povero contadino, e quindi delle ricchezze da loro scoperte, una perla e un tesoro, Francesco ha lasciato il suo messaggio: “Gesù insegna che cosa è il Regno dei cieli, come lo si trova, cosa fare per possederlo” perché le due parabole “fanno capire che il regno di Dio si fa presente nella persona stessa di Gesù”.

La gioia del contadino e del mercante quanto trovano i loro tesori è la stessa gioia di ogni uomo quando scopre nella sua vita la vicinanza e la presenza di Gesù: “Una presenza che trasforma l’esistenza e ci rende aperti alle esigenze dei fratelli; una presenza che invita ad accogliere ogni altra presenza, anche quella dello straniero e dell’immigrato. E’ una presenza accogliente, è una presenza gioiosa, è una presenza feconda. Così è il regno dentro di noi”.

Per ogni fedele l’incontro con Gesù avviene in modo diverso, c’è chi lo desidera, c’è chi lo scopre all’improvviso, ma sempre – ha proseguito il Papa –  “è Lui che ci cerca e si fa trovare anche da chi non lo cerca”, in luoghi insoliti e in tempi inattesi: “E Gesù è fra noi, Lui è qui oggi. L’ha detto Lui: ‘Quando voi siete riuniti nel mio nome, io sono fra voi’. Il Signore è qui, è con noi, è in mezzo a noi!”.

La reazione è però una quando Lo si trova: se ne rimane affascinati, conquistati, si lascia con gioia il consueto modo di vivere, talvolta arido e apatico, “per abbracciare il Vangelo, per lasciarci guidare dalla logica nuova dell’amore e del servizio umile e disinteressato”. Ed ecco che Francesco come già fatto in passato, ha invitato i fedeli ad avere sempre vicino il Vangelo, per leggerne quotidianamente un brano: “Quanti di voi, ogni giorno, leggono un brano del Vangelo? Ma quanti di voi, forse, si affrettano a fare il lavoro per non perdere la telenovela… Avere il Vangelo tra le mani, avere il Vangelo sul comodino, avere il Vangelo nella borsa, avere il Vangelo in tasca e poi aprirlo per leggere la Parola di Gesù: così il regno di Dio viene. Il contatto con la Parola di Gesù ci avvicina al regno di Dio. Pensate bene: un Vangelo piccolo sempre a portata di mano, si apre in un punto a caso e si legge cosa dice Gesù, e Gesù è lì”.

Per possedere il Regno di Dio, però, ha avvertito, non basta l’entusiasmo, occorre mettere Lui al primo posto: “Dare il primato a Dio significa avere il coraggio di dire no al male, no alla violenza, no alle sopraffazioni, per vivere una vita di servizio agli altri e in favore della legalità e del bene comune”.

Quando una persona scopre Dio, quindi, “abbandona uno stile di vita egoistico e cerca di condividere con gli altri la carità che viene da Dio”. Chi diventa amico di Dio, ama i fratelli, si impegna a salvaguardare la loro vita e la loro salute anche rispettando l’ambiente e la natura, ha proseguito Francesco, toccando un aspetto molto doloroso della vita di questa terra, dal sottosuolo avvelenato dai rifiuti letali: “Io so che voi soffrite per queste cose. Oggi, quando sono arrivato, uno di voi si è avvicinato e mi ha detto: ‘Padre, ci dia la speranza’. Ma io non posso darvi la speranza, io posso dirvi che dove è Gesù lì è la speranza; dove è Gesù si amano i fratelli, ci si impegna a salvaguardare la loro vita e la loro salute, anche rispettando l’ambiente e la natura. Questa è la speranza che non delude mai, quella che dà Gesù!”.

  • 1
  • 2
Tags:
corruzioneimmigrazionepapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
6
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
7
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni