Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 22 Giugno |
Paolino di Nola
home iconNews
line break icon

Fecondazione “post mortem”: chi pensa al bambino, orfano?

© Stephen Denness/SHUTTERSTOCK

Patricia Navas - Aleteia - pubblicato il 19/07/14

Al bimbo concepito in questo modo si sta negando il legame con il padre

A volte, per varie ragioni, una donna decide che il suo ovulo venga fecondato con il seme di una persona defunta. È quella che si chiama fecondazione post mortem.

Tra gli altri problemi etici e legali, al bambino concepito in questo modo si nega il legame fisico con il padre. L’obiezione di fondo, ha sottolineato il Centro di Bioetica Persona y Familia, è la generazione intenzionale di un bambino orfano.

Ricorrendo a questa pratica, si può cercare di soddisfare il desiderio di trascendenza di un adulto o l’erroneo tentativo di mantenere in qualche modo viva una persona già defunta, constata la dottoressa Ursula Basset in Análisis del proyecto de nuevo Código Civil y Comercial 2012.

Può anche esserci un interesse economico, e in questo senso in Inghilterra o in Argentina la regolamentazione cerca di evitare problemi di consenso del padre o di successione (ad esempio collegati all’eredità).

Avere un figlio, però, non è un diritto, e anche se la scienza permette questa pratica l’essere umano deve essere sempre considerato un fine in sé.

“La perdita del padre per un bambino per le circostanze della vita viene sempre considerata una situazione indesiderabile e dolorosa per la salute emotiva del piccolo, che si vede privato della possibilità di godere il proprio padre, con tutto quello che questa figura implica per lo sviluppo della sua personalità. Questa situazione risulta però inaccettabile quando si pretende di imporre per desiderio dei genitori, per quanto possa essere forte”, indica il Centro.

La fecondazione post mortem, aggiunge, “lede l’interesse superiore del bambino, che è di carattere primario”.

Nel IX Congresso Mondiale sui Diritti della Famiglia, svoltosi a Panama nel 1997, si è raccomandato di proibire espressamente la fecondazione post mortem. In alcuni Paesi, come l’Italia o la Germania, è infatti proibita.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
bioeticafecondazione assistita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
7
MORNING
Philip Kosloski
Preghiera mattutina per chiedere a Dio di benedire la nostra gior...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni