Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 18 Aprile |
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Mi manca il papà che non conoscerò mai

Battesimo figlia coppia gay Argentina

© NUZZA / SHUTTERSTOCK.com

Aleteia - pubblicato il 09/07/14

Le testimonianze di sofferenza pubblicate sul blog di un professore americano cresciuto da due lesbiche

«Non è stato il tabù dell’omosessualità a farmi soffrire, ma avere genitori dello stesso sesso». Sono le parole drammatiche di Jean-Dominique Bunel, riportate datTempi.it il 26 aprile. L’uomo, 66 anni francese, è cresciuto da due donne lesbiche e si è opposto pubblicamente alla legge del governo Hollande su matrimonio e adozioni per le coppie omosessuali proprio perché ha vissuto questa esperienza sulla propria pelle: «Questa legge in nome della lotta contro le disuguaglianze e le discriminazioni toglie al bambino uno dei suoi più sacri diritti (…), l’essere cresciuto da una mamma e un papà».

La sua è solo una delle tante testimonianze raccolte o ripubblicate sul blog di Robert Oscar Lopez, il professore americano allevato a sua volta da due donne lesbiche che gira il mondo per raccontare la sofferenza vissuta.

Vorrei avere un papà
Fra le testimonianze raccolte nel blog ce ne sono anche alcune estremamente drammatiche: adolescenti che ancora vivono con i genitoriomosessuali. Una ragazza, anonima, che vive con due lesbiche, annota: «Trascorro la maggior parte del tempo a casa della mia migliore amica. Sto con il suo papà perché non ne ho mai avuto uno e lui è fantastico». Poi lo sfogo, le domande, i sensi di colpa: «Qualcuno deve dirlo, perché io non lo sento dire, i genitori gay sono egoisti in un certo senso. Non pensano a cosa vuol dire per me vivere nel loro mondo. Sono l’unica che si sente così? Sono una cattiva figlia perché vorrei avere un papà? C’è qualcun altro che ha due mamme o due papà che si chiede come sarebbe stato se fosse nato in una famiglia normale? C’è ancora qualcuno in grado di usare la parola normale senza prendere lezioni su ciò che è normale? Non conosco mio padre e non lo conoscerò mai. È strano ma mi manca. Mi manca quest’uomo che non conoscerò mai».

Genitori eterosessuali
Un altro giovane anonimo, «figlio di un padre gay e di una madre surrogata», descrive la sua vita «con due papà (…). Mia madre biologica (che ha dato a mio papà il suo ovulo) viene spesso a casa mia. Lei ha 38 anni (…) voglio chiamarla la mia mamma, ma i miei papà diventano matti quando ci provo (…). Cosa ne pensate? Non pensate che sia normale odiare i miei papà? Ma devo essere il loro buon figlio perché hanno deciso di avermi? (…) Io non odio i gay, ma vorrei che i miei genitori fossero eterosessuali. Sono una persona cattiva a sentire così? (…) Tutti vogliono che io accetti ciò che non posso e non voglio».

Tags:
famigliaideologia gender
Top 10
See More