Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 19 Giugno |
San Romualdo
home iconNews
line break icon

Angelelli ultimo atto

© TERRE D'AMERICA

Alver Metalli - Terre D'America - pubblicato il 06/07/14

Mentre venerdì è arrivata la sentenza dello storico processo sulla morte del vescovo argentino, ripercorriamone la storia

Il vescovo di La Rioja, la città argentina dove si celebra il processo per la morte di un altro vescovo, Enrique Angelelli, ha invitato i fedeli ad aspettare in preghiera la sentenza ed ha convocato i sacerdoti della diocesi ad una messa in cattedrale che avrà luogo giovedì 3 luglio, vigilia della sentenza. Venerdì si saprà infatti cosa avranno deciso i magistrati della sezione criminale del tribunale federale che giudicano Luciano Benjamín Menéndez, ex-responsable del Terzo corpo dell’esercito, e Luis Fernando Estrella, ex-sott’ufficiale della base aerea della provincia.

Lo stesso vescovo – Marcelo Daniel Colombo, 63 anni, studi in filosofia e diritto, per i posteri che dovranno riscrivere questo pezzo doloroso della storia patria- ha commentato che gli ultimi mesi del processo “sono stati di grande importanza per l’apporto di elementi di prova che portano alla piena conoscenza su quello che è successo realmente nel pomeriggio del 4 agosto del 1976”. Il riferimento è al materiale che lo stesso Papa Francesco ha inviato al vescovo, per l’esattezza una lettera autografa di Angelelli e un rapporto sull’assassinio di due sacerdoti della sua diocesi.
La prima, la lettera, venne scritta da Angelelli nel luglio del 1976 e inviata quello stesso mese al nunzio Vaticano in argentina Pio Laghi, morto nel 2009, che ha sempre negato di averla ricevuta. “Veniamo tutto il tempo ostacolati nel realizzare la missione della Chiesa”, scriveva il vescovo alcuni giorni prima di venire assassinato mentre percorreva la strada 38, nelle vicinanze di Punta de los Llanos. “Io stesso, i sacerdoti e le religiose veniamo umiliati, fermati, controllati dalla polizia per ordine dell’Esercito”. Il documento invece si intitola “Crónica de los hechos relacionados con el asesinato de los padres Longueville Gabriel e Murias Carlos”, i due sacerdoti uccisi il 18 luglio del 1976 nella località di Chamical, appartenente alla diocesi di Angelelli.

Entrambi i documenti forniti dal Papa vennero inviati da Angelelli in diverse copie alla Santa Sede. Dalla bocca del successore, monsignor Colombo, si sa anche che il Papa “si è interessato al processo “con almeno due telefonate … per ricevere aggiornamenti”.

Tra un paio di giorni, dunque, si saprà se il tribunale –formato dai giudici José Camilo Nicolás Quiroga Uriburu, Carlos Julio Lascano e Juan Carlos Reynaga- riterrà integralmente provato l’impianto accusatorio che identifica in Menéndez “il mandante” dell’assassinio di Angelelli e del tentato assassinio dell’accompagnante, il sacerdote Arturo Pinto, sopravvissuto all’evento: “Lui [Menéndez ] ha dato l’ordine” e ha organizzato un piano di impunità, sostiene l’accusa. “Non era la stessa cosa uccidere un vescovo o un cittadino comune” argomenta il pubblico ministero, “bisognava mascherarlo, dissimularlo, e cosa c’è di meglio di un incidente automobilistico!”. Estrella – sempre secondo l’accusa – è “l’esecutore mediato”, chi “lo ha investito quando si spostava in auto da Chamical alla città di La Rioja”. In questo “accidente intencional”, l’autista Pinto risultò ferito gravemente, ma è sopravvissuto, per poi sporgere denuncia. Oltre a Pinto anche la Chiesa di La Rioja si è costituita parte in causa nel processo giunto ora in fase conclusiva e ha chiesto al tribunale penale che i due imputati siano condannati por “odio religioso”. Ha anche sollecitato la revoca degli arresti domiciliari per entrambi, argomentando che il vescovo era stato perseguitato e trattato con disprezzo come “vescovo rosso, comunista, estremista, terzomondista” fino a indurre “il capo (del Reggimento di La Rioja, colonnello) Osvaldo Héctor Pérez Bataglia e il direttore del giornale El Sol, Ricardo Furey, tra altri a festeggiare la sua morte e brindare per essa”.

Qui l'originale

Tags:
america latinadittatura argentina
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
conduttore rai 1 diventa prete
Gelsomino Del Guercio
Addio al giornalismo: Fabrizio Gatta, il volto noto di Rai1, dive...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
5
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
6
MATKA TERESA Z KALKUTY
Cerith Gardiner
In caso di necessità, l’efficacissima preghiera da 5 secondi di m...
7
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni