Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

L’abbraccio di tre religioni al Muro del Pianto

AFP PHOTO/POOL/ANDREW MEDICHINI
JERUSALEM : Pope Francis prays at the Western Wall, Judaism's holiest site, in Jerusalem's Old City on May 26, 2014. The 77-year-old pontiff faces a diplomatic high-wire act as he visits sacred Muslim and Jewish sites in Jerusalem on the final day of his Middle East tour. AFP PHOTO/POOL/ANDREW MEDICHINI
Condividi

Il papa lascia in una delle fessure un “Padre Nostro” in spagnolo scritto a mano

La preghiera del “Padre Nostro” scritta in spagnolo da papa Francesco è il messaggio che il Santo Padre ha lasciato nel Muro del Pianto di Gerusalemme. Il pontefice è arrivato al Muro e ha ricevuto una spiegazione di tutto ciò che stava vedendo. Il Custode di Terra Santa gli ha illustrato ciò che significa il Muro e un ragazzo gli ha mostrato quello che avrebbe dovuto essere il tempio, in una ricostruzione del Tempio di Salomone.

Un rappresentante ebraico ha quindi recitato un Salmo di gloria a Gerusalemme e al Monte Sion e ha mostrato come la città di Gerusalemme sia la città santa scelta dal Signore.

“A Gerusalemme non devono esistere più l’odio e l’inimicizia tra i fratelli”, ha chiesto il rabbino, che ha esortato a porre fine al razzismo e all’antisemitismo. “Che ci sia pace tra le tue mura, Gerusalemme”, ha aggiunto.

Papa Francesco si è poi avvicinato al Muro del Pianto, soffermandosi in preghiera e depositando, in una busta, il “Padre Nostro” scritto a mano in spagnolo. In seguito c’è stato il grande abbraccio delle tre religioni, rappresentate dal rabbino Abraham Skorka, dallo sceicco Ombar Abboud, ex segretario generale del Centro Islamico d’Argentina, e da papa Francesco.

I tre sono vecchi amici e collaboravano quando il Santo Padre era arcivescovo di Buenos Aires. Con questo gesto, il papa invia un segnale estremamente forte ed esplicito sul dialogo interreligioso e sulla normalità di avere amici di altre religioni, ha spiegato prima del viaggio padre Federico Lombardi, portavoce della santa Sede. Un potente messaggio di rispetto interreligioso.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni