Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

L’abbraccio di tre religioni al Muro del Pianto

AFP PHOTO/POOL/ANDREW MEDICHINI
JERUSALEM : Pope Francis prays at the Western Wall, Judaism's holiest site, in Jerusalem's Old City on May 26, 2014. The 77-year-old pontiff faces a diplomatic high-wire act as he visits sacred Muslim and Jewish sites in Jerusalem on the final day of his Middle East tour. AFP PHOTO/POOL/ANDREW MEDICHINI
Condividi

Il papa lascia in una delle fessure un “Padre Nostro” in spagnolo scritto a mano

La preghiera del “Padre Nostro” scritta in spagnolo da papa Francesco è il messaggio che il Santo Padre ha lasciato nel Muro del Pianto di Gerusalemme. Il pontefice è arrivato al Muro e ha ricevuto una spiegazione di tutto ciò che stava vedendo. Il Custode di Terra Santa gli ha illustrato ciò che significa il Muro e un ragazzo gli ha mostrato quello che avrebbe dovuto essere il tempio, in una ricostruzione del Tempio di Salomone.

Un rappresentante ebraico ha quindi recitato un Salmo di gloria a Gerusalemme e al Monte Sion e ha mostrato come la città di Gerusalemme sia la città santa scelta dal Signore.

“A Gerusalemme non devono esistere più l’odio e l’inimicizia tra i fratelli”, ha chiesto il rabbino, che ha esortato a porre fine al razzismo e all’antisemitismo. “Che ci sia pace tra le tue mura, Gerusalemme”, ha aggiunto.

Papa Francesco si è poi avvicinato al Muro del Pianto, soffermandosi in preghiera e depositando, in una busta, il “Padre Nostro” scritto a mano in spagnolo. In seguito c’è stato il grande abbraccio delle tre religioni, rappresentate dal rabbino Abraham Skorka, dallo sceicco Ombar Abboud, ex segretario generale del Centro Islamico d’Argentina, e da papa Francesco.

I tre sono vecchi amici e collaboravano quando il Santo Padre era arcivescovo di Buenos Aires. Con questo gesto, il papa invia un segnale estremamente forte ed esplicito sul dialogo interreligioso e sulla normalità di avere amici di altre religioni, ha spiegato prima del viaggio padre Federico Lombardi, portavoce della santa Sede. Un potente messaggio di rispetto interreligioso.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.