Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

I cristiani di Gaza vogliono incontrare Papa Francesco

© ATS Proterrasancta
Condividi

Una di quelle periferie tanto amate da Papa Bergoglio chiede di partecipare alla Santa Messa di Betlemme

Nelle terre che saranno attraversate da Papa Francesco fervono i preparativi. Vengono organizzati i luoghi di preghiera, le misure di sicurezza, le liste degli invitati, i biglietti dei pochi fortunati che potranno partecipare agli eventi.

A Gaza invece non si percepisce questo fervore. Anche se fa parte a tutti gli effetti della Terra Santa – da qui passò la Sacra Famiglia diretta in Egitto – è una zona a parte. Isolata da tutti a causa dell’assedio ormai pluriennale, è trascurata dai media mondiali e forse un po’ dimenticata anche dal cuore dei cristiani.

È a tutti gli effetti una di quelle periferie tanto amate da Papa Bergoglio, dove i cristiani possono offrire la loro testimonianza in mezzo a tanti fratelli non cristiani e a volte ostili. Così vive la piccola comunità cristiana a Gaza.
Siamo andati a trovarli in questo mese di maggio dedicato alla Madonna. Ogni giorno si danno appuntamento al quartiere cristiano, nella piccola cappella che fu delle piccole sorelle. Insieme si recita il rosario, si celebra la messa e, non meno importante, il diwan, una mezzora di scambio reciproco, chiacchiere, aggiornamenti dalle famiglie, il tutto condito da una tazza di thè e da un dolcetto. Cordialità, accoglienza, ascolto e forza interiore sono visibilmente nel DNA di queste persone.

Qui si parla anche del Papa. Padre Jorge e padre Mario – curiosamente portano proprio i nomi di Bergoglio, come hanno orgogliosamente notato fin dal giorno della sua elezione i loro parrocchiani – nelle omelie e nelle catechesi spiegano chi è il discendente di S.Pietro, da dove viene biblicamente il suo ruolo e il suo servizio. Questo è particolarmente opportuno in una comunità che, nella pratica, è composta di ortodossi e latini, senza differenze e che quindi desidera saperne di più su questo vescovo vestito di bianco così importante nel mondo.

I cristiani sperano vivamente di poter uscire da Gaza per partecipare alla messa a Betlemme con Francesco domenica 25 maggio 2014. Sono stati chiesti permessi per 600 persone alle autorità israeliane. Una famiglia è invitata a pranzo con il pontefice. Tanti vorrebbero conoscerlo di persona, stringergli la mano, affidargli le sorti dei propri cari e invitarlo direttamente a Gaza. Tra pochi giorni il sogno si potrebbe realizzare.

Articolo a cura di Andres Bergamini. Qui il testo completo.

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni