Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 16 Giugno |
Beato Clemente Vismara
home iconStile di vita
line break icon

È consacrata, è stata missionaria in Africa e ha la sindrome di Down

Gaudium Press - pubblicato il 08/05/14

Questa donna è diventata una testimonianza coraggiosa di amore per la vita

Si chiama Cristina Acquistapace, ha 41 anni, nel 2006 è entrata nell'Ordo Virginum – Ordine delle Vergini – e, a differenza delle altre religiose e consacrate, ha qualcosa di speciale: è nata con la sindrome di Down ed è diventata una testimonianza coraggiosa di amore per la vita.

Come ha raccontato lei stessa a Roma Sette, quotidiano della diocesi di Roma, “sono una semplice donna di 41 anni che crede nella vita. Sono stata fortunata perché la mia famiglia non ha ridotto la mia malattia alla mia persona ma ha creduto nel meraviglioso dono di Dio. La vita è un dono e va vissuta come un dono”.

Una vita che, ammette, non è stata facile, ma che non le ha impedito di rendere grazie a Dio per l'immenso dono di averla: “Ho vissuto insieme alla mia famiglia una vita difficile, amara, dolorosa, ma questo non ci ha impedito di vivere la vita come un dono, accettando i propri limiti e sfruttando i talenti che il Signore mi ha donato”.

“Dobbiamo andare avanti nonostante si faccia fatica. Io penso spesso alla fatica che ha fatto nostro Signore Gesù Cristo e questo mi dà coraggio per andare avanti sul mio cammino, tenendo gli occhi fissi sul traguardo che devo raggiungere. In definitiva, la vita è un viaggio al quale tutti sono chiamati, è un cammino per tutti e di tutti”, ha commentato.
Le sue abilità differenti non le hanno impedito neanche di trasformare in realtà uno dei suoi sogni più grandi: quello di essere missionaria in Africa. Dopo essere entrata nell'Ordine delle Vergini nel 2006, quando è stata consacrata dall'allora vescovo di Como, monsignor Alessandro Maggiolino, è andata in Kenya con la zia religiosa, un'esperienza che l'ha aiutata a maturare nella fede e nella sua vocazione di consacrata.

Questa esperienza in Dio le ha portato felicità e realizzazione: “Sono una donna felice, realizzata e contenta, con una missione particolare. Con questo non voglio dire che non abbia sofferto ma le sofferenze fanno parte della vita”.

La consacrazione che l'ha rinnovata in tutti gli aspetti della sua vita, malgrado l'handicap: “La mia vita non è cambiata, sono io che sono cambiata. Il mio cuore e la mia fede sono cambiate. Il mio io interiore è cambiato, il resto è rimasto uguale. È cambiato il mio modo di rapportarmi alla vita e di vedere le cose con occhi diversi, con un atteggiamento diverso e con una consapevolezza diversa”.

Tutti, ha aggiunto, abbiamo una missione, e la sua è “vivere la vita nonostante tutto, superando le difficoltà giornaliere. Voglio vivere la mia vocazione all'interno della mia famiglia, della mia parrocchia e della società”.

La sua vita si ispira a San Giovanni Paolo II, che diceva “Prendete la vostra vita e fatene un capolavoro”, frase che completa con un motto personale: “Barcollo ma non mollo!”.

Per il fatto di essere una luce nella cosiddetta “cultura della morte”, suor Cristina ha ricevuto di recente il premio “Una vita per la vita” dalla Facoltà di Bioetica dell'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum di Roma.

Con informazioni di RomaSette.it.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
mondo missionariosindrome di downtestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni