Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 30 Novembre |
Sant'Andrea
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

La Giornata della Terra 2014: servono città “verdi”

© Public Domain

Radio Vaticana - pubblicato il 22/04/14

Andrea Masullo (Greenaccord) "dobbiamo fare pace col pianeta"

Si celebra oggi la Giornata della Terra: l’appuntamento di quest’anno è dedicato alle “green cities”, le città verdi, con l’obiettivo di promuovere politiche ambientali più efficaci per le metropoli che accolgono ormai oltre la metà della popolazione mondiale. Alessia Carlozzo ha intervistato Andrea Masullo, presidente del Comitato Scientifico di Greenaccord, sull’attuale stato di salute della Terra:

R. – Come richiamano anche gli ultimi rapporti sui cambiamenti climatici, la situazione è molto preoccupante, soprattutto per quello che stiamo preparando per il prossimo futuro. Diciamo che tutti i parametri relativi alla salute del pianeta muovono verso criticità estreme, se pensiamo sia alla deforestazione sia alla perdita di biodiversità, ma soprattutto se guardiamo alle prospettive che ci presentano i rapporti sui cambiamenti climatici. Quindi, ci stiamo preparando a decenni di difficoltà. Siamo ancora in tempo a fermarci e a cambiare direzione.

D. – Temi dibattuti come la green-economy e la sostenibilità non sempre rientrano tra le priorità dell’agenda politica. Quali sono le conseguenze più evidenti di questa mancanza, e quali – invece – dovrebbero essere le misure da adottare in campo economico, ma non solo?

R. – E’ chiaro che non è un caso che nascano queste criticità ambientali. Il processo economico, soprattutto nella sua fase più recente, è entrato in conflitto con la natura. Green-economy – economia sostenibile: io preferisco questo secondo termine perché è più ampio e comprende di più anche la qualità della vita dell’uomo su questo pianeta, è la risposta alla necessità di far cambiare rotta all’economia. Noi viviamo in un’economia individualista, in cui sia i singoli sia i gruppi sia le Nazioni cercano di accaparrare risorse sempre più scarse. E quindi, è un’economia in conflitto con la natura e fa suscitare anche conflitti, regionalismi e nazionalismo. Ecco, in qualche modo la chiave è siglare un nuovo patto con la natura, far pace con il pianeta e quindi costruire una prospettiva di benessere per tutti.

D. – L’edizione 2014 della Giornata della Terra è incentrata sulle cosiddette green cities. L’obiettivo è aiutare le città di tutto il mondo a diventare più ecosostenibili, intervenendo su tre fattori chiave: gli edifici, l’energia e i trasporti. Come bisognerebbe intervenire per attuare tali modifiche?

R. – E’ chiaro che con i fenomeni di urbanizzazione globali, ma che i Paesi industrializzati hanno vissuto prima, e che ormai sono il fenomeno più importante per la qualità della vita, la città diventa l’elemento di criticità maggiore. Quindi, partendo dalla città si risolvono gran parte dei problemi ambientali. La qualità della vita nella città dipende molto da come usiamo l’energia; la qualità dell’aria dipende dai nostri comportamenti. Sicuramente, anche l’intasamento delle nostre città, i trasporti che rendono difficoltoso muoversi, socializzare, il trasporto privato che occupa tutti gli spazi, che rende difficile la vita soprattutto alle persone disabili e alle persone anziane, è uno dei temi più importanti che dobbiamo affrontare. Partiamo da questo per vedere il modo di vivere, il modo di consumare e quindi cercare di conciliare l’economia umana con l’economia della natura. Sicuramente in Italia si può fare molto. Una delle chiavi di soluzione della questione ecologica è proprio questa: partire dal migliorare la situazione nelle nostre città.

Qui l’originale

Tags:
greenaccord
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni