Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 28 Febbraio |
Sant'Auguste Chapdelaine
home iconChiesa
line break icon

La santità “normale” di Pier Giorgio Frassati

© Anna Pelleri

Aleteia - pubblicato il 03/04/14

Una mostra dedicata al beato dal 3 all'11 aprile alla Pontificia Università Lateranense

“Verso l’alto” è il titolo della mostra fotografica dedicata al beato Pier Giorgio Frassati, organizzata dall’Associazione Pier Giorgio Frassati, che sarà esposta da oggi (3 aprile) fino all’11 aprile presso la Pontificia Università Lateranense a Roma. 

La mostra è dedicata ai giovani universitari come lo era Pier Giorgio quando, a soli 24 anni, è morto lasciando un segno indelebile nelle persone che lo avevano incontrato e non solo. La sua vita impegnata nella carità, negli studi, nell’associazionismo, in politica, è stata un’esistenza vissuta in allegria e fiducia perché, come lui stesso diceva, “l’avvenire è nelle mani di Dio, e meglio di così non potrebbe andare”. 

Anche Giovanni Paolo II nella sua giovinezza aveva “sentito il benefico influsso del suo esempio” e, da studente, è rimasto “Impressionato dalla forza della sua testimonianza cristiana”.

Lo ha proclamato beato il 20 maggio 1990, indicandolo come esempio per i giovani, questo ragazzo da lui definito “delle otto Beatitudini”. 

La vita di Pier Giorgio era vita piena di passioni, di preghiera e di incontro con Dio nell’eucarestia quotidiana che lo rendeva forte di quella Fede in Cristo di cui lui parlava così:  “vivere senza una Fede, senza un patrimonio da difendere, senza sostenere con una lotta continua la Verità non è vivere ma è vivacchiare. Non dobbiamo mai vivacchiare, ma vivere”. 

Ecco dunque il suo l’invito del beato di andare “verso l’alto”, come aveva annotato dietro a una foto che lo ritraeva mentre scalava una delle sue amate montagne. Perché “più saliremo, meglio sentiremo la voce di Cristo”. 

Tags:
beatopier giorgio frassati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
4
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
5
Paola Belletti
Aiutiamo Debora Vezzani? Tutta la famiglia con il Covid, lei la p...
6
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
7
Gelsomino Del Guercio
Congo, Attanasio salvò dal Covid suor Annalisa. “Devo a lui la mi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni