Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Che fare se si hanno difficoltà a vivere da cristiani?

StockHouse
Condividi

Rimani col Signore, sta in preghiera e fai memoria di quello che il Signore ti ha detto attraverso le letture e che adesso dice direttamente al tuo cuore

Quesito

Salve padre,
le ho già scritto un paio di volte e la ringrazio per le sue risposte che mi hanno molto aiutato. E’ da qualche mese che vivo molto male il mio essere cristiano. Mi convertii un anno e mezzo fa o poco più. Inizialmente il mio rapporto con Dio e con i sacramenti era bello e gioioso, sentivo la presenza reale di Dio nella mia vita senza nemmeno bisogno di troppi sforzi, fu davvero un bel periodo, veramente ricco. Da molti mesi però, ho un rapporto con la religione che sta diventando morboso. Pecco spesso, specialmente commetto atti impuri da solo, eccedo nel cibo e nelle sigarette e sono molto accidioso. Non riesco quasi mai ad uscire da questi peccati che mi perseguitano, e quando mi confesso e mi comunico, resisto pochi giorni e tutto ritorna come prima. Non riesco a pregare bene, mi vengono molte paranoie e pensieri che mi bloccano e mi fanno morire dentro. E’ una situazione abbastanza di stallo, e non riesco ad andare avanti. Penso ogni secondo a Dio, lo temo. Sono diventato apatico, come prima della conversione, ho rapporti difficili con gli amici non credenti e spesso proprio per questo sono un pessimo esempio per gli altri e più che avvicinarli a Cristo e alla sua Chiesa, li allontano. Mi sento come sepolto dal peccato e non riesco ad uscirne. Anche le mie confessioni sono sempre incerte e non sono mai sicuro che mi sia confessato bene o no, se ho fatto una buona penitenza e se ero davvero pentito. Io ho speranza nel Signore, e so che riuscirò ad uscire da questa situazione. Chiedo a lei caro padre un consiglio per migliorarmi e per tornare a vivere secondo la volontà del Signore e non la mia. Le dò qualche informazione di base su di me che potrebbero servirle magari: ho 22 anni, studio a … e sono un tipo molto pensieroso, spesso troppo.
La ringrazio infinitamente padre, che Dio la benedica per quello che fa e per come usa internet in maniera davvero corretta, lei è una risorsa specialmente per noi giovani.


Risposta del sacerdote

Carissimo,
la prima cosa che ti consiglio è la regolarità nella vita di preghiera. Avrai sentito anche tu nella Messa della domenica delle Palme che Gesù ha detto: “Alzatevi e pregate per non entrare in tentazione” (Lc 22,40.46). Pietro non ha vegliato né pregato ed è caduto nella tentazione rinnegando per tre volte il Signore nell’arco di un’ora. Analogamente anche noi: dobbiamo avere regolarità nella preghiera, con dei punti (momenti di tempo) ben precisi e sapendo quale preghiera faremo.

1. La tua preghiera deve essere fatta anzitutto di ascolto della Parola di Dio, che può essere compiuto direttamente sulla Sacra Scrittura oppure anche leggendo vite di Santi, che sono la parola di Dio vissuta. Questo nutrimento è essenziale perché hai bisogno di popolare la tua mente di altri pensieri. Diversamente rimane con te stesso anche nella preghiera e allora può capitare quello che ti capita: la mente si riempie di paranoie (così come le chiami) e di pensieri che ti uccidono interiormente, ti devastano e lasciano a zero. San Francesco di Sales quando incontrava dei giovani chiedeva loro quali fossero i loro amici. Questi giovani sapevano bene a quali giovani il santo alludesse: i buoni libri. Tutto parte dalla testa.
Se non badiamo da noi stessi a nutrirci, rimaniamo imbevuti senza saperlo di quello che ci nutre il mondo.

2. La seconda cosa che ti raccomando è la preghiera. Sei uno studente e pertanto hai degli orari giornalieri abbastanza precisi. Sai bene quando viene celebrata la Messa nelle Chiese che ti sono più vicine. Perché non prenderti questo impegno? Se vai a Messa, vieni nello stesso tempo nutrito con la Parola di Dio, ricevi la presenza del Signore dentro di te e hai la possibilità di entrare in comunione intima, profonda col Signore. Fatta la Santa Comunione o finita la Messa, non andartene subito. Ma rimani col Signore, sta in preghiera e fai memoria di quello che il Signore ti ha detto attraverso le letture e che adesso dice direttamente al tuo cuore. Poi programma la tua vita col Signore. Chiedigli assistenza in quel determinato studio, in quella faccenda, in quell’incontro… E se te ne vai subito dalla Chiesa, continua questa Comunione dentro di te per strada o appena arrivi a casa. È il momento più solenne, più prezioso e più fecondo della tua vita quotidiana. Io faccio questo aiutandomi col Santo Rosario, rimanendo così per un tot di tempo in comunione col Signore.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.