Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

L’immaginazione della sofferenza futura è più angosciante del dolore presente

Michele Westmorland
Deserto
Condividi

Quando sei desolato, cerca di rafforzarti nei sentimenti contrari a quelli che senti, e pensa che presto sarai consolato (Esercizi Spirituali, n. 321).

Cosa ti capita nella desolazione? Crollano le speranze false e gli dei che stavi adorando e si purificano i veri e grande desideri di cui sei fatto. Vieni provato a crescere nella virtù della pazienza: è la tribolazione che “produce pazienza, la pazienza una virtù provata e la virtù provata la speranza. La speranza poi non delude, perché l’amore di Dio è stato riversato nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci è stato dato” (Rm 5,3-5).

È la pazienza, intesa come virtù e non come sopportazione passiva degli eventi, che permette di fare memoria di un passato ricco di bene, di “continuare non mollare” nel presente e di vedere attraverso un filo di luce il futuro.
In genere si esce sperimentando i sentimenti opposti di quelli che provi nella desolazione: se sei sfiduciato, cresci nella fiducia; se sei triste regalati momenti di allegria (un film, una cena con amici, un buon teatro, un buon libro, una passeggiata in mezzo alla natura); se ti senti irascibile fai qualcosa che ti calmi; se ti senti insicuro poni ordine e fermezza alle tue azioni, se la sensualità ti vince prova ad autocontrollarti per uscirne, ecc.

Dopo la notte arriva sempre il giorno… ma se tieni gli occhi chiusi continui a pensare che sia notte anche quando il sole risplende per la paura e la mancanza di forza! Insomma dipende da te.
Attenzione però! Uscire dal periodo della desolazione non significa iniziare a pensare alle sue conseguenze… Farlo significa spendere un mare di energie. Chi si preoccupa del futuro, spesso non vive il presente.
Le voci del male lavorano molto sulla nostra fantasia che noi confondiamo per realtà. Così sprechiamo le energie migliori per combattere difficoltà irreali, che non esistono ancora, e, forse, non ci saranno mai. Come è stato scritto “l’immaginazione della sofferenza futura è più dolorosa e angosciante di qualunque dolore presente, al punto che arrivi a farti del male reale per non sentire quello immaginario”.

Puoi sempre e solo portare quel carico che c’è qui e ora. A me è capitato di accompagnare situazioni umane o famiglie con figli ammalati o fortemente invalidi. Constatavo che nei genitori viene data una forza per poter continuare a portare avanti una situazione dura che sembra un’impresa impossibile. È la forza di Dio nella desolazione

Qui l’originale

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni