Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconNews
line break icon

L’abilità calcistica di un vescovo tailandese segna un gol per l’evangelizzazione

Camknows CC

Catholic News Agency - pubblicato il 09/03/14

“All'inizio lo abbiamo sottovalutato”

Le feste patronali delle parrocchie di una diocesi nella Tailandia nord-orientale riuniscono la comunità per la Messa, la preghiera, le processioni e per partite di calcio amichevoli. Al termine della Messa solenne del patrono della parrocchia, ogni comunità della diocesi di Nakhon Ratchasima partecipa ad un “agape-lunch” (un pasto comune) celebrativo che termina con i fischi gioiosi delle squadre che giocano una partita di “futsal” (o “calcio a 5”), una variante del calcio che si gioca su un campo coperto, più piccolo, con cinque giocatori per squadra.

Le partite parrocchiali coinvolgono squadre miste di clericali e seminaristi, che giocano contro i laici, così come squadre di abitanti del posto appartenenti a diverse comunità religiose. I tifosi in festa attendono la loro squadra preferita, con il vescovo Joseph Sirisut di Nakhon Ratchasima come protagonista. “Lo sport, o qualsiasi esercizio, è importante per la nostra salute, per avere una mente sana e attiva, corpo e anima”, ha dichiarato il Vescovo Sirisut alla CNA ad una recente partita di “futsal”.

Padre Alessandro Klahan, rettore del Seminario Minore San Paolo a Nakhon Ratchasima, il 20 febbraio ha dichiarato alla CNA che “lo sport non ha religione, ma può essere un semplice strumento di evangelizzazione per la promozione dei valori e la morale del Vangelo”. Il rettore ha sottolineato il ruolo dello sport nel costruire “ponti di amicizia” tra la comunità ecclesiale e i laici, promuovendo allo stesso tempo il dialogo interreligioso con le altre comunità.

"Come può questo gioco essere uno strumento di evangelizzazione? In generale, un’occasione così festosa può essere associata ad un pranzo sontuoso, al bere e al divertimento con la famiglia. In questi incontri parrocchiali una grande comunità partecipa alla Messa, e i cori spesso attirano centinaia di persone di altre religioni a testimoniare il nostro senso di comunità, condivisione fraterna, e alla fine una partita di calcio giocata con equità e spirito di squadra”, ha spiegato padre Klahan.

"Molti spettatori e bambini in età scolare guardano queste partite, e il campo fa echeggiare gesti di amore, di comprensione e semplici parole di incoraggiamento, non c’è posto per l’aggressività dell’odio e della rabbia". "Dobbiamo anche essere annunciatori dei valori evangelici, in modo che la nostra comunicazione non verbale possa essere un’omelia non verbale", riflette padre Klahan.

Il rettore ha spiegato che la formazione in seminario è "olistica e completa", ed ha detto di rimpiangere il fatto che alcune delle giovani generazioni siano disinteressate all’attività fisica, poiché impegnate solo dai loro studi e dai computer.

Giocare a “futsal” è di aiuto all’evangelizzazione, ha detto, quando "i giovani attraggono altri giovani, diventando così giovani evangelizzatori". “Condividere l’amore per lo sport promuove un incontro in cui i giovani entrano a far parte di una buona compagnia di amici e restano coinvolti dalle preoccupazioni sociali nell’apostolato pastorale della Chiesa”, ha detto padre Klahan.

"Dobbiamo raggiungere le nostre parrocchie: la gente ama vedere i loro sacerdoti e il vescovo, nonostante l’età, fare del proprio meglio per vincere, tirare a rete, far divertire la gente". Un seminarista della diocesi ha detto alla CNA che il vescovo Sirisut "è un giocatore fantastico, brillante ed intelligente". "All’inizio lo abbiamo sottovalutato".

L’ “apostolato futsal” è un modo efficace per i cattolici in Thailandia di impegnarsi con i loro connazionali. La popolazione cattolica della Thailandia è meno dell’1 per cento – e nella diocesi di Nakhon Ratchasima, i cattolici costituiscono lo 0,1 per cento della popolazione. Circa il 95 per cento dei thailandesi sono buddisti, e molti degli altri sono musulmani, il che rende le relazioni interreligiose un aspetto importante per i cattolici in questa nazione del sud-est asiatico.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
evangelizzazionesport
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni