Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 02 Marzo |
Sant'Agnese di Boemia
home iconApprofondimenti
line break icon

La discussa statua del Gesù senzatetto benedetta da papa Francesco

© Timothy Schmalz

Aleteia - pubblicato il 06/03/14

Opinioni contrastanti su un'originale scultura che invita a vedere Cristo nei poveri

Una scultura di Gesù rappresentato come un senzatetto avvolto in una coperta su una panchina ha suscitato polemiche: alcuni sostengono che il Nazareno non sia un vagabondo indifeso bisognoso di aiuto, altri che è proprio il più emarginato.

Una donna che abita lì vicino ha chiamato una sera la polizia credendo che la figura fosse davvero un senzatetto che minacciava la sicurezza del quartiere, ha riferito La Vie. “Gesù deve essere capace di rispondere alle nostre necessità, e non il contrario”, ha dichiarato.

L'opera, intitolata “Gesù senzatetto”, iper-realista, sembra rappresentare una persona qualsiasi, ma più da vicino si possono osservate le stigmate di Cristo sui piedi di bronzo.

Non è stato facile trovare una collocazione per la scultura: lo scorso anno, il “Gesù senzatetto” è stato respinto dalla cattedrale di San Patrizio di New York e da quella di San Michele di Toronto, ma nel novembre scorso è stata presentata a papa Francesco, che si è mostrato colpito, l'ha trovata bella, ha pregato davanti a lei e poi l'ha benedetta.

Lo scultore, Timothy Schmalz, ha avuto l'idea di rappresentare in questo modo originale Cristo dopo aver visto un senzatetto che dormiva in strada durante le feste di Natale. “Quando vediamo gli emarginati, dovremmo vedere Gesù Cristo”, ha scritto sulla sua pagina web.

L'artista canadese ha realizzato molte opere “di impatto”. Tra le altre, una rappresenta un mendicante che chiede l'elemosina – ed è molto simile a quella del senzatetto sulla panchina -, un'altra papa Francesco mentre mette le scarpe a un povero.

Alla fine, la statua è stata collocata vicino a una chiesa di Davidson (North Carolina, Stati Uniti). Il pastore, David Buck, non ha alcuna intenzione di ritirarla. “Ci ricorda in modo ammirevole che la nostra fede si esprime a partire dalla nostra preoccupazione per i più poveri”, ha detto. “Questa scultura rappresenta la nostra vocazione ultima”.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
artegesù cristopapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
4
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
7
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni