Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

Don Gigetto de Bortoli, il terapista dei giovani tossicodipendenti

Steve Addison
Condividi

L’esperienza del Centro Italiano di Solidarietà di Belluno

Trenta anni fa sembrava un sogno irrealizzabile, oggi è una realtà consolidata che ha salvato molti giovani dalle tossicodipendenze. Stiamo parlando del CEIS-Centro Italiano di Solidarietà di Belluno onlus fondato don Gigetto de Bortoli, insegnante, giornalista, educatore.

Don Gigetto si occupa di dipendenze e relazione d’aiuto, tramite approcci innovativi, basati sulla presa di responsabilità e sulla consapevolezza.

Il metodo di trattamento che si segue presso le strutture del CEIS viene denominato “Progetto Uomo” (PU). La persona è al centro e protagonista del suo percorso di recupero dalla dipendenza in un ottica di partecipazione e condivisione. Ogni forma di violenza o di coercizione è esclusa e poiché l’obiettivo ultimo è il raggiungimento della libertà dell’ospite dipendente da sostanze, anche l’entrata o l’uscita è libera.

A tutti si propone un sistema di vita di comunità, come risorsa e come strumento per il cambiamento. Fare vita di comunità, e sviluppare senso di appartenenza alla stessa, fornisce un modello alla persona, la quale ha la possibilità di interiorizzare un sistema di valori e di affetti di riferimento, funzionali al proprio miglioramento.

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni