Aleteia
martedì 20 Ottobre |
San Paolo della Croce
Chiesa

Altro che divorziati e risposati. In Africa, la famiglia ha ben altri problemi

© Public Domain

La nuova Bussola quotidiana - pubblicato il 25/02/14

Al Concistoro a Roma i cardinali africani hanno portato le voci di una Chiesa impegnata ad affrancare l’istituzione familiare dai vincoli della tradizione

di Anna Bono

Una bambina di 10 anni maritata a un uomo di 60 che per averla ha dato a suo padre 17 mucche, un secchio di farina di frumento, cinque litri di olio, due paia di pantaloni, un paio di scarpe usate e un cellulare senza batteria. Un’altra di 13 anni informata del proprio matrimonio soltanto tre giorni prima della cerimonia che la consegnerà in sposa a un estraneo di cui non conosce neanche il nome.

Al Concistoro a Roma i cardinali africani hanno portato le voci di una Chiesa impegnata ad affrancare l’istituzione famigliare dai vincoli della tradizione e a promuovere il rispetto della persona umana.

Le norme tribali riguardanti la famiglia – tuttora influenti e d’altra parte riconosciute da quasi tutte le costituzioni africane che ammettono i diritti consuetudinari proprio in materia di famiglia e di successione – contrastano con i precetti cristiani, violano i diritti umani universali creando situazioni domestiche spesso insostenibili. Le regole tradizionali relative alla costituzione stessa di ogni unità famigliare rendono difficile (e quel che più conta, non necessario) l’instaurarsi al suo interno di rapporti paritari, improntati a fiducia, confidenza, collaborazione.

La tradizione vuole, innanzi tutto, che i matrimoni siano combinati ed eventualmente imposti: proibito, del tutto impensabile, decidere liberamente con chi e quando sposarsi. In certe etnie africane i capifamiglia impongono ai figli i coniugi che ritengono convenienti senza tener conto della loro volontà e senza dar loro il tempo di frequentarli e conoscerli: questo tipo di matrimonio si dice forzato o imposto; in altre etnie il consenso dei figli è richiesto, almeno formalmente, ma a proporre l’unione sono comunque i genitori: si tratta allora di matrimonio combinato; altre etnie ammettono che i diretti interessati o almeno i maschi possano prendere l’iniziativa, ma le nozze non possono essere celebrate senza l’autorizzazione dei genitori che hanno facoltà di negarla con decisione indiscutibile e impedire l’unione. In tutti i casi nelle società tradizionali sono le famiglie, che a loro volta rappresentano gli interessi delle rispettive comunità, a discutere i termini dei contratti matrimoniali. Se non raggiungono un accordo, l’unione non è ammessa.

Una seconda istituzione, il prezzo della sposa, costituisce il fulcro del contratto matrimoniale per centinaia di tribù africane. Dove è praticata, l’uomo che intende prendere moglie deve corrispondere ai parenti della futura sposa, a risarcimento di quanto essi hanno speso per allevarla e della risorsa procreativa e produttiva che cedono, un certo ammontare di beni o denaro. Le trattative per stabilire entità e modalità di consegna del prezzo della sposa sono decisive ai fini della stipulazione del contratto nuziale: anche quando i genitori possono accettare la scelta coniugale dei figli, il matrimonio non si conclude se le famiglie dei due sposi non raggiungono un’intesa sul prezzo della sposa. La completa consegna dell’importo concordato (che può richiedere anni quando si tratta di cifre o beni ingenti), attribuisce alla famiglia che lo ha corrisposto una sorta di diritto di proprietà sulla donna per la quale ha pagato e quindi anche sui figli da lei generati dopo la stipulazione del contratto. Questi diritti permangono anche in caso di morte del marito. Dopo il periodo di lutto prescritto, le vedove sono obbligate a sposare un fratello o un cugino parallelo del defunto, avendo talvolta la facoltà di scegliere con chi unirsi: l’istituzione è nota come levirato.

Matrimonio combinato e prezzo della sposa, entrambi ancora molto praticati dagli Africani, violano la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e la Convenzione per l’Eliminazione di ogni forma di discriminazione contro le donne che prevedono il pieno e libero consenso degli sposi al matrimonio. Come è facile immaginare, hanno conseguenze negative sull’unione famigliare e gravi ripercussioni soprattutto sul destino delle donne: tanto più se, come succede spesso, a essere maritate secondo queste regole sono delle adolescenti o addirittura delle bambine.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
africaconcistoromatrimonio
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni