Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 01 Dicembre |
Sant'Andrea
home iconNews
line break icon

Pakistan: coppia cristiana arrestata per blasfemia

© DR

Catalunya Cristiana - pubblicato il 16/01/14

Il marito ha riconosciuto le false accuse perché la polizia non torturasse anche sua moglie

di Samuél Gutierrez

Il martirio in Pakistan ha oggi molti volti. Uno di questi, forse quello messo più a tacere, è quello che fa subire a migliaia di famiglie cristiane le conseguenze dell’ingiusta e crudele legge antiblasfemia.

Il caso di Asia Bibi, madre di famiglia condannata nel 2009 all’impiccagione per blasfemia, è forse il più noto, ma non è l’unico. La legge è già costata molte vite in Pakistan. Molti cristiani e anche alcuni membri della Ahmadiyya (una minoranza islamica) e buddisti restano oggi nel braccio della morte, in condizioni deplorevoli, accusati di un crimine assurdo che nella maggior parte dei casi non hanno commesso.

Oltre a rappresentare una violazione flagrante dei diritti umani, la legge antiblasfemia è spesso utilizzata come “strumento di vendetta” nei conflitti privati. Qualsiasi scusa è buona se si vuole danneggiare un avversario o un nemico. Non c’è bisogno di testimoni né di prove addizionali per sanzionare quanti sono accusati di offendere Allah, Maometto o il Corano.

L’applicazione della legge istituita nel 1986 presuppone la realizzazione di un processo rapido, quasi senza garanzie, e una condanna a morte o la prigione per quanti offendono il credo musulmano.

Una volta condannati, il marchio della blasfemia è indelebile. Neanche l’assoluzione garantisce la sicurezza. Dopo lunghi processi per dimostrare la propria innocenza, un buon numero di accusati di blasfemia è stato massacrato da folle furiose dopo la liberazione.

Anche la difesa pubblica degli accusati o qualsiasi critica all’ingiusta legge antiblasfemia è motivo di ira da parte dei radicali, come dimostra il caso del ministro cristiano per le minoranze, Shahbaz Bhatti, brutalmente assassinato il 2 marzo 2011 dagli islamisti radicali per la sua opposizione alla legge e la sua difesa di Asia Bibi.

“La legge antiblasfemia – è arrivato a denunciare – è uno strumento di violenza contro le minoranze, soprattutto contro i cristiani”. “Mi può costare la vita”, disse, “ma continuerò a lavorare per modificare una legge che viene usata per risolvere questioni personali”.

Il caso di Shagufta Kausar

Come avverte con preoccupazione l’agenzia cattolica di notizie Fides, i casi di cristiani accusati di blasfemia sono aumentati considerevolmente negli ultimi anni. È un’altra dimostrazione della persecuzione disumana che subiscono le minoranze in un Paese che si dice democratico.

Uno di questi casi, poco noto, è quello di una donna che come Asia Bibi è stata accusata di blasfemia in Pakistan. Si tratta di Shagufta Kausar, madre di quattro figli tra i 6 e i 12 anni, accusata di blasfemia insieme al marito, Shafaqat Emmanuel. Ci ha raccontato la loro storia Joseph Anwar, fratello minore di Shagufta, accolto da due mesi in un centro per rifugiati a Valencia (Spagna).

La coppia è stata arrestata a Gojra, dove vive, il 21 luglio 2013, e incarcerata nella prigione di Toba Tek Singh per aver inviato presunti sms blasfemi contro vari leader musulmani locali.

La coppia ha negato le accuse, e in sua difesa Shagufta ha dichiarato alla polizia che un mese prima avevano perso il telefono cellulare e che avevano anche chiesto al negozio di bloccare la SIM.

La polizia ha iniziato allora un terzo grado con inclusa la tortura del marito, paralizzato e con handicap fisici.

“Lo hanno torturato davanti alla moglie e ai quattro figli”, ha spiegato Joseph. “La polizia lo ha costretto a confessare le accuse o a coinvolgere altri. In caso contrario, avrebbero iniziato a torturare sua moglie”. “Mio cognato ha confessato per salvare sua moglie, perché non c’è uomo che possa sopportare di vedere la moglie torturata dalla polizia”.

  • 1
  • 2
Tags:
libertà religiosapakistan
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LOURDES
Il Cattolico
Novena preparatoria all'Immacolata Concezione...
ANGEL
Philip Kosloski
A cosa assomigliano i nostri angeli custodi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni