Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Notre Dame de la Salette
home iconApprofondimenti
line break icon

Siamo davvero liberi? Risposta del professore Rémi Brague

Stéphane OUZOUNOFF/CIRIC

<span class="standardtextnolink">21 janvier 2010 : R&eacute;mi BRAGUE, &eacute;crivain, philosophe, universitaire, sp&eacute;cialiste de la philosophie m&eacute;di&eacute;vale arabe et juive, professeur de philosophie &agrave; l&#039;Universit&eacute; de Paris I. Paris (75), France.</span>

Solène Tadié - Aleteia Team - pubblicato il 07/01/14

Interrogato da Aleteia dopo la conferenza su “Dio e la libertà: le radici bibliche dell’idea occidentale di libertà”, Rémi Brague, premio Ratzinger 2012 della teologia, rivela la propria concezione del libero arbitrio.

“Fare ciò che si vuole, un bel programma!” scherza il professore riguardo quegli “imbecilli” che avrebbero l’idea barocca di credere nella totale libertà della volontà.

Tornando ai secoli della filosofia e spiritualità occidentale, Rémi Brague mette decisamente in dubbio l’esistenza di un libero arbitrio autonomo e sovrano. Ciò che gli viene spontaneamente in mente è l’esempio di San Paolo che, ricorda, non arriva a fare quel bene che conosce e approva ma, al contrario, persiste nel fare quel male che lo ripugna. In questo, “l’apostolo delle nazioni” già faceva eco al pensiero dei poeti pagani, Ovidio in particolare. Ciò che descrive San Paolo è “l’esperienza fondamentale della debolezza della volontà” commenta Brague.

Alla domanda su quale fosse il contributo del Cristianesimo al vasto problema posto dal liberoarbitrio, Rémi Brague considera che il cristianesimo ha il merito di aver ammesso “con coraggio” che noi non facciamo affatto quello che vogliamo. È così che risponde agli “imbecilli” che pretendono di fare ciò che vogliono: “ Ci si illude quando si dice –faccio ciò che voglio-. Nella maggior parte dei casi siamo richiesti, siamo passivi. In altri termini, vogliamo ciò che si vuole che vogliamo. E questo “ciò” può essere una moltitudine di cose. Può essere la pubblicità. L’aria del tempo o anche l’educazione ricevuta…”.
Tuttavia la causa del libero arbitrio non è del tutto perduta, stando a quanto dice il vincitore del premio della Fondazione Ratzinger. C’è un’alternativa a questa predestinazione, e cioè che per esistere il libero arbitrio deve essere liberato. È qui che risiede tutta la forza del Cristianesimo: ci fa ammettere che abbiamo bisogno d’aiuto per essere liberi. Questo aiuto lo chiamiamo Grazia ed è proprio questa l’esperienza umana fondamentale.

Rémi Brague da parte sua riprende l’espressione luterana di “servo arbitrio” (sempre precisando che non condivide affatto la concezione luterana della questione del libero arbitrio), che designa la dipendenza della volontà umana di fronte alla Grazia di Dio, sola e unica via verso la vera libertà.
La libertà, in effetti, è un dono che riceviamo da Dio, non è autonoma, ed è precisamente ciò che il filosofo ci vuole dire quando ricorda che il nostro libero arbitrio, per esercitarsi, ha bisogno di essere liberato.
Potete vedere qui la conferenza del professore Rémi Brague a Roma sulle radici bibliche dell’idea occidentale di libertà.

Traduzione dall'originale francese Silvia Manuelli

Tags:
libero arbitrio

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
5
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni