Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Nuovo “miracolo” a Guadalupe: quasi 7 milioni di pellegrini

Lynn Friedman
Condividi

Milioni di fedeli si prostrano ai piedi della Madonna nella sua “casetta di preghiera”

Tra mercoledì 11 dicembre e giovedì 12, più di sei milioni e mezzo di pellegrini sono giunti da ogni parte del Messico e da alcuni Paesi stranieri per prostrarsi ai piedi della Madonna di Guadalupe nella Basilica di Guadalupe, a Città del Messico.
 
Nello stesso luogo in cui la Vergine chiese all'indio Juan Diego di costruirle una “casetta” di preghiera, si erge il santuario mariano più visitato del mondo, che accoglie i messicani nelle loro gioie e nei loro dolori. All'Imperatrice delle Americhe sono devoti dai politici agli sportivi, dagli attori agli indigeni del villaggio più remoto della Selva Lacandona.

Il segno profetico di un abbraccio

La Patrona del continente scoperto da Cristoforo Colombo il 12 ottobre 1492 è dal 1531 il faro che guida la vita di milioni di esseri umani; in Messico, anche quelli che si dicono atei risultano essere tutto sommato “guadalupani” nel cuore. Ogni 12 dicembre vanno a salutare la “virgencita morena” che “non ha fatto nulla di simile con nessun'altra nazione”.

Consapevole di questo, papa Francesco ha rivolto un saluto a tutta l'America Latina nell'udienza generale di mercoledì 11 dicembre.

Quando la Vergine è apparsa a San Juan Diego, “il suo volto era quello di una donna meticcia e le sue vesti erano piene di simboli della cultura indigena. Seguendo l’esempio di Gesù, Maria sta accanto ai suoi figli, accompagna come madre premurosa il loro cammino, condivide le gioie e le speranze, le sofferenze e le angosce del Popolo di Dio, del quale sono chiamati a far parte tutti i popoli della terra”, ha detto il pontefice.

Le parole di papa Francesco hanno fatto breccia nella stampa messicana e in tutte le più importanti reti sociali, venendo ripetute anche sui quotidiani nazionali insieme alla notizia che la rivista “Time” lo ha nominato “Uomo dell'anno”.

L'apparizione dell'immagine della Madonna sul mantello di Juan Diego è stato “un segno profetico di un abbraccio, l’abbraccio di Maria a tutti gli abitanti delle vaste terre americane, a quanti erano già lì e a quanti sarebbero arrivati in seguito”.

“Questo abbraccio di Maria indicò il cammino che sempre ha caratterizzato l’America: essere una terra dove possono convivere popoli diversi, una terra capace di rispettare la vita umana in tutte le sue fasi, dal grembo materno fino alla vecchiaia, capace di accogliere gli emigranti, come pure i popoli e i poveri e gli emarginati di tutte le epoche”, ha concluso il pontefice.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni