Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 29 Novembre |
San Francesco Antonio Fasani
home iconChiesa
line break icon

«Ma che cosa si fa in Paradiso?»

@DR

Vinonuovo.it - pubblicato il 05/12/13

Quale tipo di linguaggio è più in grado oggi di fra brillare la realtà di fede più stupefacente che Dio ci abbia regalato?

di Gilberto Borghi

Negli anni ’60 del Novecento andava molto di moda in teologia l’espressione "svolta antropologica". Indicava il tentativo di alcuni teologi (ad esempio K. Rahner) di liberare la persona umana dall’oggettivismo della teologia scolastica e ricostruire una teologia a partire dal vissuto reale della persona. A questa visione altri teologi (tra cui H. U. von Balthasar) opponevano riserve e perplessità, perché temevano che questa "svolta" finisse per ridurre il cristianesimo solo ad una antropologia.

È proprio vero: la Chiesa ha dei tempi biblici. E non so se sia un bene o un male. Siamo ancora dentro a quella disputa! Mentre il mondo, di fianco a noi, è cambiato radicalmente e forse non ce ne siamo accorti abbastanza.

Mentre tornavo da scuola, qualche giorno fa, ho incontrato un amico prete, che stimo e che da buon romagnolo ha pochi peli sulla lingua. E dopo baci e abbracci, mi chiede: "Ma come fai a ricordarti così quello che succede in classe e che poi scrivi"? Gli rispondo: "Stavo giusto andando a casa per scrivere quello che, proprio stamattina, è successo all’ultima ora". "Ah, e cos’è? Sarei curioso …". "Discutevamo sull’aldilà cristiano – faccio io -. Una ragazza mi ha chiesto: Ma che cosa si fa in paradiso? Com’è stare li"? "Eh, una domanda da nulla", fa lui. "Infatti – ribatto io – più sono ingenui e più sono essenziali. Ma una risposta la dovevo tentare. Le ho detto: se cerchi una risposta con cui descrivere veramente com’è stare lì, non l’avrai. Né da me né da altri. Ma se vuoi averne una pallida idea facciamo un esercizio. Prova a recuperare dalla memoria il momento più bello della vita che hai vissuto fin’ora. Non dirmelo, pensalo solo. E prova a riascoltare quella emozione e come stavi. Bene. Scommetto che non sei sola in quella situazione. E lei mi ha detto: sì è vero prof. E scommetto anche che la relazione cha hai con chi è con te, la puoi chiamare in qualche modo Amore. Esatto prof. mi fa lei. E allora, le dico, adesso immagina che in quel momento il tempo si fermi, non scorra più, resti lì inchiodato senza più un dopo e un prima. E immagina che quello che provi non abbia più limiti e l’intensità che senti sia infinita. Ecco forse questa è un pallidissima e vaga idea di come può essere stare in paradiso".

"Scusami sai – fa il mio amico prete – non volermene se te lo dico, ma la tua mi sembra un risposta davvero di poco spessore. Abbiamo una tradizione teologica e mistica che su questo ha ben di più da dire. E soprattutto mi sembra che manchi del tutto il nocciolo della visione beatifica: vedere Dio come egli è". "Può anche essere vero – gli ho risposto – ma se gli parlo di visione beatifica e di vedere Dio, non credo proprio che susciti in loro l’idea che in paradiso la nostra felicità sarà totale". "Ho capito, certo, ma un modo dovremo pur trovarlo di far arrivare a loro la pienezza e la bellezza della nostra tradizione di fede. O no"? "Lo so, e preme anche a me, pur non avendo una risposta chiara. Ma di una cosa sono convinto: se non partiamo dal loro vissuto, non ci sono santi che tengano!"

Se ne è andato più affamato che convinto, vista l’ora. E pure io, assieme agli spaghetti, ho dovuto ingoiare la perplessità che mi ha consegnato lui. E a mo’ di digestivo, vista la pesantezza sullo stomaco, sono andato a pescare tre testi della nostra tradizione di fede che parlano del paradiso. Per metterli a confronto e chiedere anche a voi: quale tipo di linguaggio è più in grado oggi di fra brillare la realtà di fede più stupefacente che Dio ci abbia regalato?

Il primo. "La dote dell’anima beata consiste in tre doni: vedere Dio, conoscerlo come bene presente, sapere che tale bene presente è da noi posseduto; ciò corrisponde alle tre virtù teologali della fede, speranza e carità. Nella visione beatifica, l’intelletto umano può vedere Dio nella sua essenza, cioè può vedere Dio quale è, in modo che l’essenza divina, informi di sé conoscitivamente l’anima del beato".

  • 1
  • 2
Tags:
animaparadisoreligione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
FIRST CENTURY HOUSE AT THE SISTERS OF NAZARETH SITE
John Burger
Archeologo britannico pensa di aver trovato l...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Pape François audience
Gelsomino Del Guercio
"Benedizione Urbi et Orbi del Papa". Attenti,...
Amy Brooks
5 ragioni per cui indosso la Medaglia Miracol...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni